Aperitivo a Grado

Turismo: boom del Friuli, +10% di arrivi nel primo trimestre 2015

facebook

lussari.jpg (1)“I primi tre mesi del 2015 fanno registrare, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un +4,5 per cento di arrivi (+11.369) e un 9,2 per cento di presenze (+59.000 in valore assoluto); di queste, +6,4 per cento di presenze nazionali e ben il 13,7 per cento di stranieri. Un dato così positivo non veniva registrato da molto tempo e di fatto si inverte un trend in calo dal 2012″.

Dunque, come ha illustrato oggi a Udine il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello, gennaio-marzo di quest’anno parlano di un turismo “con un segno importante, anche in doppia cifra in regione, con il segmento montagna, il mare d’inverno, le città, che non può che far ben sperare per l’entrante stagione estiva”.

L’ambito montano, nel suo complesso, registra un +9,6 per cento di presenze (237.097 rispetto a 216.268), dato aggregato del +6,9 per cento di italiani e un +12,7 per cento di stranieri. All’interno di questi numeri, balza in evidenza il +18,7 del Tarvisiano/Sella Nevea/Passo Pramollo, con un interessante recupero sulla stagione precedente caratterizzata da una situazione meteo molto difficile, con copiose nevicate che si sono concentrate in tanti fine settimana.

Bene poi il trend di crescita negli hotel di Sella Nevea, ha commentato Bolzonello, frutto dell’intensa promozione dedicata a questo polo sciistico puntando sulla sua caratura agonistica. La Carnia riscontra un +8 per cento netto (+5,2 mercato italiano, +11,2 gli stranieri), grazie alla qualità di offerta dell’Albergo Diffuso e anche al rinnovo dell’offerta di servizi proposti sia a Sauris che ad Arta Terme.

Forse l’unico dato in negativo è invece quello relativo al Piancavallo (-3,8 complessivo: -7,4 presenza italiana, -0,6 presenza stranieri). Per il vicepresidente Bolzonello, che ha illustrato i dati assieme ai direttori di TurismoFVG e Promotur, Michele Bregant e Marco Tullio Petrangelo, il calo ha una doppia lettura: mentre le strutture alberghiere che si sono rinnovate hanno un segno positivo a due cifre, quelle al palo sono in difficoltà e trascinano in campo negativo l’intero settore.

Spuntano numeri di tutto riguardo anche il macro ambito dei capoluoghi provinciali, con un generale +6,4 per cento, che tiene conto di un +6,1 delle presenza dei turisti italiani e di un +7 per cento dei turisti extra Italia. Trieste e Udine hanno saputo interpretare al meglio il prodotto City Break proposto da TurismoFVG, ha affermato il vicepresidente della Regione, con un +11,2 per cento relativo a Trieste (+13,8 gli italiani) e un +3 per cento a Udine, mentre Gorizia registra un +11,2 per cento, frutto anche delle attività economiche legate alla cantieristica.

È causa, invece, del decremento del business legato a Electrolux e Distretto del Mobile – “ma è un calo in rallentamento”, conferma Bolzonello – il -1,8 per cento dell’ambito pordenonese, con un -1,7 di italiani e un -2,1 per cento di stranieri. Infine, il comparto mare, che attesta un incremento del 18,8 per cento nei primi tre mesi 2015: addirittura un +35,4 per cento di presenza straniera e il 6,5 per cento in più per gli italiani.

Lignano e Laguna di Marano hanno accolto un +40,2 per cento di stranieri (austriaci e tedeschi soprattutto), mentre gli italiani, certamente meno propensi a farsi abbagliare dalle spiagge invernali, si attestano attorno ad un punto percentuale negativo. Infine, Grado, Aquileia e Palmanova, che si presentano in questo inizio 2015 con la migliorperformance degli ultimi quattro anni: +25 per cento, con un +30,8 per cento dettato dalla presenza straniera.

Per quanto concerne gli skipass acquistati nei poli turistici montani, i cosiddetti Primi Ingressi (cioè il primo passaggio al primo tornello per l’accesso all’impianto di risalita) confermano i dati delle presenze turistiche e raggiungono un +4,75 per cento rispetto alla precedente stagione dello sci.

“Dati ancora più significativi se ogni tanto potessimo contare su una stagione normale”, ha commentato l’assessore Bolzonello, ricordando un Natale 2014 senza neve che ha fatto segnare un -34,1 per cento, poi tramutatosi in un positivo 16,68 per cento tra gennaio e marzo.

Molto bene, in questo contesto, il totale degli skipass venduti a Sella Nevea (+27,69 per cento) e a Tarvisio (+12,17 per cento), praticamente stabili i dati di Piancavallo e Zoncolan.

396