Aperitivo a Grado

Udine: arrestato spacciatore dominicano 22enne, riforniva feste sudamericane

facebook

auto carabinieriUdine 9 nov ’10 – E’ stata una operazione lunga quasi sei mesi quella cha ha visto i carabinieri del comando del nucleo operativo di Udine sgominare una banda che si occupava di spacciare sostanze stupefacenti in occasione di feste che si rivolgevano principalmente a gente di etnia sudamericana o che si recava presso locali che facevano proprio di questo tipo di feste il proprio pubblico principale. Una minoranza che metteva in cattiva luce l’intero ambiente degli immigrati di origine latino americaneIl primo a essere fermato è stato, nello scorso giugno, è stato Patino Monsalve Jaime Hernan dell’83 che abitava a Pasian di Prato e che era stato beccato con 20 grammi di cocaina; poi nella notte dle 9 settembre è stato il turno di Pena Rivas Hector raul, 36enne di origini colombiane residente a Reana del Rojale al quale venivano sequestrate circa 40 grammi di cocaina dopo un pedinamento da parte degli uomini dell’Arma

Infine il9 novembre il 22 enne Cedano Noel Alexander di orgini dominicane è stato tratto in arresto poichè condierato responsabile del traffico di stupefacenti. Il giovane era già conosciuto dalle forze dell’ordine perchè nel 2007 si rese responsabile di tentato omicidio nei confronti di un giovane connazionale

Questi risultati , fanno sapere i carabinieri, sono il risultato di una lunga serie di appostamenti e vigilanza nel corso delle feste estive che animano il parco del Cormor e del controllo delle serate che si svolgevano all’interno di circoli privati e di un noto locale di Viale Palmanova chisuo e riaperto più volte con variaizoni di nome,  che finivano inesorabilmente con delle sonore sbornie e con serate in parte.

Dopo aver notato il primo arrestato presente in molte delle feste in questione gliuomin idell’arma sono riusciti a trarlo in arresto e da qui si sono infiltrati, tramite mascheramenti, nelle feste individuando così movimenti di spaccio che hanno portato agli arresti succitati

780