Aperitivo a Grado

Udine: eternit all’aria aperta in edifici abbandonati

eternit 3 dic 2014 – Tonnellate di Eternit all’aria aperta su migliaia di metriquadrati nell’area nord della città.
“E’ urgente che il Comune si attivi per bonificare quanto prima l’area su cui insistono cinque capannoni con tetto in eternit”, questa la richiesta formulata dai consiglieri comunali di centrodestra, questa mattina durante il sopralluogo nell’area incriminata, nel quartiere di Paderno, all’angolo fra via Molin Nuovo e via Fusine, dove si è tenuto l’incontro-denuncia con la stampa.

A scongiurare il peggio non bastano infatti i teli collocati in alcuni punti a protezione del materiale tossico, visto che sono lacerati. L’esposizione al materiale tossico che è all’aria, con la possibile dispersione delle particelle tossiche, potrebbe mettere a rischio la salute dei cittadini che vivono e lavorano nella zona, così come i recenti drammatici fatti dimostrano in altre parti d’Italia dove il killer silenzioso, l’amianto, ha provocato migliaia di malati di tumore.
I residenti sono stanchi di aspettare le promesse prima della proprietà e poi dell’amministrazione comunale che avrebbe dovuto avviare la bonifica da tempo… Tutto è tragicamente fermo, questa la denuncia mossa dall’opposizione di centrodestra.
In gioco c’è il sacrosanto diritto alla salute, costituzionalmente garantito, per questo, in assenza del necessario intervento da parte del Comune, l’opposizione di centrodestra invia una segnalazione/denuncia all’Azienda sanitaria 4 Medio Friuli affinché imponga misure coercitive all’amministrazione della città che, pur promuovendo il progetto Città Sane, non ha mosso un dito per eliminare l’eternit da Udine! Una bella contraddizione…

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
604