Aperitivo a Grado

Udine: rassegna bandistica regionale – 10 settembre

facebook

foto.bandeTorna la Rassegna bandistica regionale, organizzata dall’Anbima Fvg. Un raduno che da 32 anni riunisce i musicisti e le bande di tutta la regione, per una giornata non-stop di sfilate e concerti. L’appuntamento è per sabato 10 settembre 2011 a partire dalle 16, quando 800 musicisti di 24 formazioni bandistiche invaderanno il centro storico di Udine per una serie di concerti itineranti. Tema della rassegna di quest’anno, i 150 anni dall’Unità d’Italia.

“Esattamente 150 anni fa sono sorte molte bande per divulgare la conoscenza della musica, del melodramma e per contribuire – dice il presidente dell’Anbima Fvg Eugenio Boldarino – all’alfabetizzazione. Ancora oggi questa musica è di grande attualità e rimangono intatte le peculiarità delle bande. Per i musicisti, infatti, l’applauso è motivo d’orgoglio in uno spirito di volontariato culturale”.

Seguendo percorsi differenziati all’interno della città, le bande raggiungeranno suonando piazza Libertà, dove alle 17.20 ci sarà la cerimonia di deposizione di una corona d’alloro al Tempietto dei caduti. Alle 17.30 seguirà il saluto delle autorità e poi le 24 bande  eseguiranno tutte assieme sei brani iniziando con l’Inno di Mameli per proseguire con l’Inno di Garibaldi, l’Inno delle Nazioni di Verdi, Viva Verdi, Campane di San Giusto e Villotte, nella trascrizione del maestro Marti per il gran concerto finale.

Protagonisti della rassegna del 10 settembre saranno le bande di Artegna, Azzano Decismo, Bertiolo, Carlino, Castions, Cividale, Cormons, Cordenons, Fagagna, Lavariano, Manzano, Meduno, Nogaredo, Orzano (Nuova Banda), Palmanova, Prata, Reana, San Giuseppe di San Dorligo della Valle, San Vito al Tagliamento, Sutrio, Tricesimo, Trieste (Arcobaleno), Valeriano e Valvasone.

La Rassegna bandistica regionale è organizzata dall’Anbima Fvg e realizzata in collaborazione con la Regione, la Provincia, il Comune di Udine e per il servizio d’ordine con l’Associazione lagunari Truppe Anfibie e l’Associazione Arma aeronautica.

535