Aperitivo a Grado

Udinese Cagliari: tribuna all’inglese?

facebook

In attesa che la questura e l’Udinese ricevano le necessarie autorizzazioni, il Comune si prepara a predisporre la struttura che domenica 31 maggio permetterà a circa 400 tifosi di assistere a pochissimi metri dal campo all’ultima gara di campionato al Friuli tra Udinese e Cagliari. Sulla pista di atletica del settore distinti verrà allestita una tribuna rialzata lunga 28 metri e composta da 10 gradoni. La struttura, completa di scale di smistamento, potrà accogliere 400 persone. Il noleggio della tribuna mobile, che verrà predisposta a partire da giovedì dopo il via libera da parte della prefettura, avrà un costo di 8.300 euro. Un’iniziativa che permetterà di offrire ai supporter bianconeri più fortunati uno spettacolo straordinario, in grado di competere in visibilità con i campi della Premier League. “Abbiamo deciso di sposare immediatamente la proposta del questore di Udine – spiega il sindaco di Udine Furio Honsell – perché siamo certi che possa rappresentare un’ulteriore svolta nella fruizione del calcio in Italia. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che grazie al comportamento sportivo dei tifosi friulani e alle aperture delle forze dell’ordine, qui a Udine abbiamo potuto eliminare le inferriate che dividevano gli spalti dal campo di gioco. Sono fiero di poter dire che nel nostro stadio non c’è posto per la violenza e spero che questo esperimento possa essere un assaggio dello spettacolo che potrebbe offrire il “Friuli” in futuro”.

Organigramma del Comune: nuova riorganizzazione dei servizi dei Musei e delle Unità Organizzative. Dopo il pensionamento di Maurizio Buora, il Comune di Udine ha deciso di non sostituire la posizione organizzativa ricoperta precedentemente dal responsabile dei Musei del Castello. La decisione, approvata oggi dalla giunta, rappresenta il primo passo verso la razionalizzazione degli uffici afferenti ai Civici musei cittadini. La riorganizzazione dei Servizi museali, infatti, già approvata a dicembre scorso, prevede per il futuro un servizio unico che coordini, integri e gestisca tutte le diverse realtà museali cittadine di palazzo D’Aronco, con l’intento di valorizzare il patrimonio conservato, rendendo i musei della città più idonei a rispondere alla domanda di servizi sempre più ampi e diversificati. All’attuale direttore del dipartimento Politiche sociali, educative e culturali, Filippo Toscano, toccherà mettere in campo una serie di iniziative volte a una proficua organizzazione di tutte le strutture dei Civici Musei, in attesa del nuovo dirigente che nel prossimo futuro verrà nominato a capo di tutta la rete museale.
Le otto collezioni attualmente presenti, ai sensi della norma regionale, nel così detto “Museo multiplo” saranno quindi così ripartite ai diversi conservatori: la Pinacoteca – Galleria d’arte antica a Vania Gransinigh, la Gamud a Isabella Reale, il Museo etnografico a Tiziana Ribezzi, la Fototeca – Galleria di disegni di stampe antiche a Cristina Donazzolo, le Gallerie del progetto a Silvia Bianco. La collezione numismatica e quella archeologica sarà affidata pro tempore a Vania Gransinigh e quella del Risorgimento e della Resistenza a Tiziana Ribezzi.
Intanto, essendo i Servizi Educativi e Sportivi dello stesso dipartimento Politiche Sociali, Educative e Culturali sprovvisti di una posizione dirigenziale (l’attuale dirigente è in aspettativa) e necessitando di una posizione che coordini gli uffici competenti in materia di servizi educativi per la prima infanzia, pre e post scolastici e di animazione, verrà istituita una nuova unità organizzativa “Attività educative”.

Riduzioni del canone Osap per i vari organizzatori degli eventi di UdinEstate. La giunta comunale ha deciso consistenti riduzioni della tassa per l’occupazione di suolo pubblico in favore dei diversi organizzatori che collaboreranno nelle diverse iniziative di UdinEstate. Le riduzioni saranno del 9’% per l’occupazione delle aree destinate a ospitare spettacoli e iniziative a ingresso gratuito, mentre del 60% per quelle con ingresso a pagamento e di durata inferiore ai trenta giorni. Visto, inoltre, che sul piazzale del castello si svolgeranno grandi eventi le cui scenografie richiedono il trasporto con dei tir, verrà riservata loro un’area per la sosta in piazza I maggio. Davanti al teatro San Giorgio e nella zona circostante, in occasione del festival internazionale dei burattini verrà prevista la deroga al divieto di commercio su aree pubbliche in forma itinerante, al fine di vivacizzare le vie con la presenza di operatori in occasione della manifestazione. Per tutte le iniziative organizzate al parco del Cormor, infine, si autorizzeranno gli organizzatori ad attivare dei punti di somministrazione di bevande.

Convenzione con l’Università per la digitalizzazione dell’Archivum Civitatis Utini. Sarà il Dipartimento di storia e tutela dei beni culturali dell’Università di Udine a eseguire la trasformazione in digitale dell’Archivum Civitatis Utini, il prezioso archivio civico cittadino della sezione manoscritti e rari della biblioteca civica. Il fondo, composto da 220 manoscritti, i più antichi dei quali risalgono alla XIV secolo, grazie a questo intervento potrà essere preservato dall’usura della consultazione. La digitalizzazione, inoltre, agevolerà l’accesso al documento svincolando gli utenti dalla presenza fisica in biblioteca. In un secondo momento, infatti, è previsto il trasferimento del documento su web. Il Comune di Udine, che già nel 2007 aveva ottenuto un contributo di 25 mila euro per l’operazione, ha deciso di affidare l’incarico all’ateneo friulano dopo aver sondato, nel corso del 2008, alcune aziende italiane specializzate in questo genere di servizi. Constatato l’alta onerosità del servizio l’amministrazione comunale ha optato per un accordo con il laboratorio fotografico del Dipartimento di storia e tutela dei beni culturali, che effettuerà la trasposizione in digitale del fondo utilizzando uno scanner digitale in bianco e nero ad alta definizione già presente in biblioteca.

Polizia municipale cittadina impegnata nei seggi per il referendum. Anche in questa tornata elettorale per la tornata referendaria di giugno, il Comune di Udine collaborerà con la Prefettura inviando le proprie forze delle Polizia municipale a vigilare e presidiare i seggi elettorali. Già nel passato l’amministrazione aveva collaborato in questo senso, come ad esempio nelle elezioni e il referendum del 2006 e per l’ultima tornata elettorale delle Politiche 2008, nonché per le elezioni europee del 6 e 7 giugno. Sei, verosimilmente, gli agenti municipali impiegati il 21 giugno. Le spese per l’impiego degli uomini della polizia municipale, sempre nell’ottica della collaborazione tra le varie forze dell’ordine, verranno rimborsate dalla Prefettura.

Definite le Direttive per la disciplina delle trasferte. Colmando un vuoto dal punto di vista della regolamentazione interna, la giunta ha approvato un documento che definisce in maniera organica le regole per le missioni fuori sede da parte dei dipendenti comunali. Le “Direttive interne per la disciplina delle trasferte e del rimborso spese al personale con incarichi di missione” – questo il titolo del dispositivo – disciplinano in maniera uniforme e dettagliata le modalità di gestione delle trasferte. Il documento, motivato da ragioni di trasparenza nei confronti dei dipendenti pubblici, riguarda in particolare la necessità di gestione le trasferte per corsi di formazione, ma anche le missioni in rappresentanza dell’ente o il trasporto/ritiro di materiali per conto del Comune. Per la prima volta vengono quindi definiti in maniera organica i criteri da seguire nella gestione delle trasferte: dal rilascio dell’autorizzazione all’utilizzo dei mezzi di trasporto, dalle indennità da applicare ai rimborsi spese.

266