Aperitivo a Grado

Udinese: D’Agostino a Firenze

facebook

D_Agostino-2639770Udine, 3 giu – Si chiude in un sol colpo definitivamente l’era Marino a Udine; mentre il tecnico siciliano firma a Parma l’alfiere del 433 che aveva ridato aUdine i fasti del bel gioco se ne va a Firenze. Infatti Gaetano D’ Agostino vestirà la maglia viola per un triennale da 1,3 milioni di euro, mentre all’Udinese andranno 9 milioni.D’Agostino esplode a Udine proprio con la gestione Marino: nel 343 del primo anno è uno dei due centrocampisti centrali senza infamia e senza lode mentre nel 433 dell’anno successivo D’Agostino disputa una stagione straordinaria nel ruolo di regista puro realizzando anche 11 reti in 36 presenze in campionato (calciando anche i rigori) e portando l’Udinese fino ai quarti di coppa UEFA. Il regista azzurro si merita la nazionale dove va a fare concorrenza addirittura a Pirlo sorpassando il suo prossimo compagno di squadra Montolivo. Nella scorsa estate il lungo tira e molla con la Juventus che tentennava sul prezzo (18 milioni) per poi accaparrarsi Felipe Melo (25) che ha lasciato molto malumore nell’animo del regista romano. malumore che si è protratto nelle prime giornate di campionato fino alla conferenza stampa in cui D’Agostino non ha lasciato molto spazio al fioretto sciabolando una serie di dichiarazioni di sfiducia nel modo di gestire il mercato da parte del paron Giampaolo Pozzo. Poi, in mezzo a una serie di prestazioni deludenti l’infortunio al menisco che ha tolto all’Udinese il regista fino a fine campionato. Ora D’Agostino, dopo essere diventato un giocatore di livello nazionale, se ne va da Udine per andare a fare il regista a Firenze nel probabile 433 di Mihajlovic.

Anche Pasquale Marino trova casa a Parma dove ritrova il compagno dei primi due anni friulani Pietro Leonardi col quale proverà a ricostruire un miracolo simile a quello bianconero. Nno sarà facile fare meglio di Guidolin.

Il mercato friulano intanto langue di colpi concreti. Perso Pinilla accasatosi al Palermo continua la ricerca di una punta centrale di peso e a questo punto sarà necessario ritoccare anche il centrocampo con un regista che vada a sostituire D’Agostino. Fermo restando che c’è ancora Lodi che ha trovato poco spazio in quel ruolo sia con Marino sia con de Biasi l’uomo giusto pare essere stato individuato in Guarente dell’Atalanta conteso però da molte altre formazioni. Intantoi bianconeri si sono premuniti con il solito mercato a lungo termine accaparrandosi le prestazioni di futuri gioielli del mercato sudamericano (un nome su tutti: Muriel). Chi vivrà vedrà.

Quanto ai nomi in uscita la ridda di voci aumenta ogni giorno, Handanovic, Coda, Lukovic, Isla, Inler, Pepe, Sanchez sono tutti nomi che sono stati dati per trattati. Al solito però quando ci sarà di parlare di cifre molte voci si dissolveranno nel nulla. A pochi giorni dall’inizio del mondiale difficile che qualcuno di questi nomi venga piazzato. Se ne riparlerà a fine competizione.

Mercoledì 9 intanto verrà finalmente presentato il nuovo tecnico Francesco Guidolin

319