Aperitivo a Grado

Udinese-Genoa: Isla out 15gg, rientra Pasquale?

facebook

ud genoaSchiacciata fra le due partite con le milanesi il Genoa potrebbe essere quasi snobbato, invece la partita contro gli uomini di Gasperini è forse la più affascinante dal punto di vista tatticoDopo i buoni risultati ottenuti col passaggio al 442 mister Marino riproporrà sicuramente quest’ultimo modulo per tentare di fermare l’arrembante Genoa di questo inizio di stagione. Fuori dai giochi almeno per 15 giorni Mauricio Isla sulla fascia destra sarà riproposto quasi sicuramente Dusan Basta che ha ben figurato nel difficile match contro il Milan. Dato pressochè per scontato la conferma di buona parte della squadra l’unico dubbio viene dalla conferma di Lodi sulla destra dove il nuovo arrivato si è adattato ma non è apparso a suo agio evidenziando poca propensione alla profondità. Si può prevedere il ritorno sulla destra di Pepe che potrebbe essere sostituio sulla sinistra da Pasquale, ormai recuperato alla causa e convocato ma non pronto per una partita da titolare, o dal cileno Sanchez. Rimane in più l’incognita Romero, definito un esterno sinistro da Marino che però, dopo una preparazione scoppiettante, non è stato mai chiamato in causa

Handanovic, Basta, Coda, Domizzi, Lukovic, Pepe, Inler, D’Agostino, Sanchez, Floro Flores, Di Natale

Il Genoa dopo le prime tre vittorie consecutive si è fermato in trasferta a Verona contro il Chievo e ha pareggiato giovedì contro la Juve a Marassi, infilandoci in mezzo anche una bella e netta vittoria in coppa uefa. Il modulo è 343, tanto caro ai tifosi udinesi, che permette al Genoa di essere estremamente offensivo e pericoloso anche al trio di attaccanti che avrà come perno centrale Crespo. Bloccare sulle fasce il Genoa sarebbe frenare gran parte dell’impeto del loro gioco poiche centralmente i rossoblu sono forti ma non trascendentali. Chiave tattica quindi potrebbe essere bloccare con i raddoppi sulle cerniere di fascia, Basta-Pepe da una parte e Lukovic-Pasquale/Sanchez/Romero dall’altra.  Marino nella consueta conferenza stampa prepartita ha comunq ue parlato di un Genoa da battere con le sue stesse armi: “Il Genoa è una squadra che fa dell’intensità la sua arma migliore. Sa trasferirla in campo soprattutto in casa, dove il suo pubblico rende lo stadio una bolgia. Attacca con molti uomini, portando avanti la palla anche con i centrali della difesa”“Bisogna essere dinamici, intensi e ordinati dal punto di vista tattico, in modo da riuscire ad approfittare degli spazi che inevitabilmente chi attacca con molti uomini ti deve concedere”.

177