Aperitivo a Grado

Udinese: tocca a Cuadrado?

facebook

roma-14Dopo la non brillantissima prestazione contro la Roma l’Udinese riparte da Verona nel derby del Nordest contro il Chievo guidato da Di Carlo. Problemi di formaizone per Marino alle prese con squalifiche e infortuniIl problema, una volta di più viene dalla difesa e inaprticolare dalla fascia destra che sembrava aver trovato il suo padrone definitivo nel serbo Basta che però invista del match contro il Chievo dovrà scontare la squalifica inflittagli dopo l’espulsione con la Roma. Il sostituto naturale, il cileno Isla sarà fuori per alcuni problemi fisici e lo stesso Marino ha ammesso che la fascia destra costituirebbe un problema  vista anche la scarsa propensione di Zapata a coprire quel ruolo. E comunque con Domizzi out e felipe sulla via del recupero è probabile che i due centrali siano Zapata e Coda, con Pasquale o Lukovic sulla sinistra e Cuadrado sulla destra. A meno che Marino non decida di dirottare Lukovic sulla destra (dove però anche lui in passato non ha fatto una grande impresisone). Centrocampo obbligato con Inler, D’Agostino e Asamoah. Davanti sono in 4 per tre posti: dati per sicuri Sanchez e Flor oFlores l’ultimo posto se lo giocano Di Natale (che però è parso affaticato dopo due partite in tre giorni) e Pepe.

Il Chievo gioca un 4312 con Pinzi dietro le punte; squadra che fa del dinamismo la caratteristica principale di gioco, probabile una partenz ain forcing pe rgli uomini di Di Carlo che possono vantare davanti una coppia molto ben assortita con i chili di Bogdani e il pericolosissimo Pellissier. A centrocampo occhio al dinamismo di Luciano (che dovrà però vedersela con Asamoah) e di Marcolini mentre Pinzi dovrà probabilmente fare l’elastioco fra pressing su D’Aggostino e incursioni nell’area bianconera a sostengo delle punte. Toccherà a Mantovani tentare di fermare Sanchez che sta guadagnando gli onori della ribalta anche se per divenatre davvero un big assouto deve guadagnare ancora qualcosa in concretezza.

Le due squadre aprtono entrambe da 14 punti e quidni si tratta di uno scontro diretto anche se per il Chievo 14 punti a questo punto del campionato vogliono dire una bella boccata d’ossigneo in vista della salvezza mentre per l’Udinese è il momneto di cogliere una vittoria intrasferta per rilanciarsi verso i quartieri davvero nobili della graduatoria: il Chievo in casa ha un ruolino di marcia davvero negativo con una vittoria un paregigo e tre sconfitte con 7 gol fatti e 8 subiti, mentre l’Udinese in trafserta finora è stata disastrosa con zero vittorie, un pareggio e tre sconfitte con soli due gol fatti e sei subiti

243