Aperitivo a Grado
facebook

031.jpgDopo i 4 punti in due partite difficili come quelle contro Juve e Napoli, l’Udinese riprende la preparazine con alcune interessanti novità nell’assetto tecnico. in campo e nella dirigenzaChiuso il mercato di gennaio con gli arrivi di Zimling e Mattila e le partenze di Motta (che a Udine ha tuttaltro che incantato) alla Roma e di nef al Recreativo Huelva l’Udinese inserisce nel suo staff tecnico un nome che da alcuni mesi era sulla bocca di tutti: l’ex ct di scherma Andrea Magro friulano e bianconero doc sarà inserito nel panorama tecnico dell’Udinese calcio. La sua figura dovrebbe esserecruciale nel progetto Udinese Academy. Ancora un paio di giorni prima della presentazione ufficiale. Vista la lungimiranza dei Pozzo nello scegliere i giovani di belle speranze e valorizzarli, la figura di Andrea Magro, condiserato un grande motivatore, potrebbe andare a integrare proprio questo aspetto della crescita dei giocatori. Vedremo…

Dal punto di vista tecnico la partenza di Motta sposta forse definitivamente sulla fascia di destra Isla, che nel nuovo ruolo non ha demeritato, mentre il suo posto a centrocampo potrebbe essere stato conquistato dal sorprendente Asamoah. Il mercato dello sconvolgimento però potrebbe essere quello estivo: se l’Udinese non dovesse confermare la sua presenza in UEFA per l aprossima stagione (cosa che ora appare sideralmente lontana) molto probabilmente i tifosi bianconeri potrebbero assistere a qualche partenza eccellente. 4 centrali difensivi (non contandoLukovic che sembra ormai dirottato a sinsitra) e 5 punte sono tanti per disputare solo campionato e coppa italia. In più ci saranno da risolvere due question iinteressanti come quella di barreto che sta molto ben figurando a Bari e quella di Paolucci, ora al Catania ma in comproprietà fra Juve e Udinese. In un’intervista odierna Pozzo ha poi parlato di mercato elogiando Di Natale per aver deciso di rimanere a Udine e sottolineando che la valutazione di Quagliarella quando finì alle buste con la Samp si agirava sui 14 milioni e che quindi quella è la base di aprtenza per trattare. Da tempo si parla di un interesse della Juve per il Quaglia, che sarebbe sicuramente appetito a anche da Napoli e Roma, il cui nome è stato più volte messo vicino a quello dell’attaccante napoletano.

Nel frattempo Pozzo ha dichiarato a “La politica nel pallone”che se le cose fossero precipitate sarebbe stato costretto a sostituire Marino che comuque gode di ampia fiducia nei piani alti della società bianconera. Da più parti si era individuata proprio la partita di domenica prossima contro il Bologna (sonfitto 3-1 dalla Fiorentina nel recupero) come ultima spiaggia per il tecnico siciliano che però ha saputo strappare ben 4 punti nei due match contro Juve e Napoli.

Le novità però non son ancor afinite: il Lech Poznan, l’avversario di coppa UEFA dell’Udinese (andata il 22 a Poznan) sarebbe stato coninvolto in uno scandalo di calcio scommesse che avrebbe portato all’arresto del capitano della squadra polacca.

Domenica arriva quidn iil Bologna che sembra essere incappato in un momento grigio dopo un ottima partenza susseguito all’arrivo sulla panchina felsinea di Sinisa Mihajlovic. Possibile che Marino nel prossimo match torni a schierare il tridente con Pepe a destra cui però forse sarà richiesto qualche sacrificio in più.

Tutti i nazionali bianconeri, stando ai beneinformati dovrebbero essere convocati ep rl’amichevole di mercoledì 10 contro il Brasile

su Udine20 domenica troverete i link per gaurdare la partita

 031.jpg

 

424