Aperitivo a Grado

Udin&Jazz 2011: Raphael Gualazzi in castello – 27 giugno

facebook

raphael-gualazzi-vinceAttesa come sempre per la seconda metà di giugno (tra il 16  e il 27 si articoleranno decine di appuntamenti) la nuova edizione di Udin&Jazz (la ventunesima), si articolerà quest’anno nelle consuete location del centro cittadino e in varie località della provincia, e proporrà alcune novità tra cui la presenza al Parco del Cormor, in collaborazione con l’Home Page Festival e una due-giorni oltre confine, nel suggestivo villaggio storico di Smartno (in Slovenia), dove al jazz sperimentale e alle nuove leve della musica contemporanea sarà dedicata la prima Smart Fest.??Se il programma completo (come sempre articolato e coerente, nel nome della qualità e del livello internazionale delle proposte) verrà reso noto la prima settimana di maggio, oggi l’organizzazione si pregia di annunciare uno tra gli appuntamenti d’eccezione del festival, con un giovane talento italiano, reso celebre dall’ultimo Festival di Sanremo, dove è stato pluripremiato (vincitore della categoria Giovani, del Premio della Critica “Mia Martini, il premio della Sala Stampa Radio e Tv e del Premio Assomusica per la migliore esibizione live tra gli artisti in gara nella sezione ‘Giovani’): dopo Malika Ayane – anche lei vincitrice di Sanremo Giovani –  che ha chiuso l’edizione di Udin&Jazz 2010 con un affollato e raffinatissimo concerto al Castello,  è quest’anno il turno di Raphael Gualazzi, atteso per lunedì 27 giugno, ancora al Castello, per una chiusura di festival in grande stile. ?Rivelazione recente, con Follia d’amore, dallo stesso Gualazzi scritta e arrangiata, oggi inserita nel suo secondo album, Reality and Fantasy (Sugar, febbraio 2011) e scelta come canzone rappresentante l’Italia all’Eurovision Song Contest di Dusseldorf di quest’anno, Gualazzi ha già suonato all’Auditorium Parco della Musica di Roma, è recentemente apparso nel format televisivo Che tempo che fa condotto da Fabio Fazio, ed è stato invitato al Saint-Germain-des-Prés Jazz Festival di Parigi.

Le prevendite saranno attive da lunedì 11 aprile: i biglietti si possono acquistare on-line sul sito www.euritmica.it (infoline 0432 17744261) e nei circuiti Azalea Promotion, Vivaticket e Boxoffice (intero 25,00 + 3,50 di prev; ridotto 22,00 + 3,00 di prev).

Classe 1981, Gualazzi, dopo gli studi pianistici classici svolti a Pesaro, estende la sua ricerca musicale anche nel campo del Jazz, Blues e della Fusion, collaborando con qualificati artisti del settore e distinguendosi per le sue peculiari qualità vocali e strumentali. La sua musica nasce dalla fusione della tecnica Rag-time dei primi anni del ‘900 con la liricità del Blues, del Soul e del Jazz nella sua forma più tradizionale. Le sonorità tipiche del pre-jazz e dello stride-piano di Scott Joplin, Jelly Roll Morton, Fats Waller, Art Tatum e Mary Lou Williams, e il blues di Ray Charles e Roosevelt Sykes vengono attualizzate da Raphael Gualazzi con uno stile personalissimo dove la tradizione convive con le influenze più innovative di artisti eclettici come Jamiroquai e Ben Harper.Dal 2005 Raphael Gualazzi partecipa ad importanti festival come il Fano Jazz, il Java Festival di Giakarta e l’Argo Jazz, Ravello International Festival ed altri e nel 2008 esce in Francia, su etichetta Wagram, la compilation Piano jazz che include il brano Georgia on my mind da lui interpretato, oltre a composizioni di grandissimi artisti come Nora Jones, Diana Krall, Art Tatum, Ray Charles, Jimmie Cullum, Michael Petrucciani, Chick Corea, Thelonious Monk, Dave Brubeck, Nina Simone, Duke Ellington. Dopo essere stato invitato ad esibirsi in Vermont e New Hampshir all’interno del progetto “The History & Mystery of Jazz”, che l’ha visto al fianco di musicisti del calibro di Michael Ray (Sun Ra Arkestra, Kool & The Gang), Steve Ferraris (Sun Ra Arkestra, Charlie Haden), Jamie Mc Donald, Nick Cassarino, Bob Gullotti, John McKenna, nel settembre del 2009 Raphael Gualazzi incontra Caterina Caselli e firma con Sugar un contratto discografico. Giunto all’attenzione del grande pubblico grazie alla cover di Don’t stop il celebre successo degli anni ’70 della storica band Fleetwood Mac, scelta come colonna sonora dello spot televisivo di eni, nell’estate 2010 Raphael Gualazzi si esibisce all’Heineken Jammin Festival, al prestigioso Pistoia Blues Festival e al Giffoni Film Festival per poi debuttare in settembre al Blue Note Milano dove presenta il suo primo omonimo ep digitale contenente 4 brani con il quale giunge alla vetta della classifica di iTunes. Nel frattempo con il brano Reality and Fantasy nel remix di Gilles Peterson, entrato anche a far parte delle compilation Nova Tunes 2.2 e Hotel Costes ai vertici delle classifiche di vendita digitali in tutto il mondo, Raphael Gualazzi conquista l’air play di alcuni dei più prestigiosi network francesi e a dicembre si esibisce al Louvre per debuttare poi al Sunside Club di Parigi, tempio della musica jazz, dove presenta il suo repertorio ai media europei. La versione inglese di Follia d’amore è stata inserita inserita nella colonna sonora di Manuale d’amore ,  film diretto Giovanni Veronesi e interpretato, tra gli altri, da Robert De Niro e Monica Bellucci. Nel frattempo anche la Fiat punta su Gualazzi e sceglie la sua Reality and Fantasy come nuova colonna sonora degli spot del marchio in Europa.

300