Aperitivo a Grado

Un ottimo Tavagnacco si deve arrendere davanti al Bardolino

tavagnacco.jpgIl Tavagnacco ci ha provato con tutte le sue forze, ma gli episodi hanno premiato il Bardolino che, grazie al trio Parisi-Panico-Gabbiadini, torna a casa con l’intera posta in palio e il primato in classifica generale. La gara entra subito nel vivo con le due squadre determinate a cercare la porta avversaria.Dopo un tentativo dalla lunga di Brumana, senza esito, il Bardolino passa alla prima, vera conclusione. Parisi si trova la sfera tra i piedi al centro dell’area e calcia senza tanta convinzione verso la porta di Marcutti: la sfera assume una strana traiettoria e s’infila sotto la traversa per l’1-0 veronese. Il Tavagnacco non ci sta e un minuto dopo sfiora il pari con Mauro che ruba il tempo a Picarelli e Schiavi ma non trova la porta per questione di centimetri. Il Bardolino preme maggiormente sulle fasce, ma il Tavagnacco è vivo e ribatte colpo su colpo alle iniziative avversarie. La formazione ospite manca di poco il raddoppio con Motta che sbaglia il cross e per poco non trova il sette alla destra di Marcutti. Nell’occasione il numero uno friulano si supera e toglie la palla dalla porta. S’infortuna Bissoli e Bearzi manda in campo Rodella. L’ex giocatrice del Venezia non fa in tempo ad entrare in partita che dalla sua parte sfonda Panico; l’attaccante veronese si presenta davanti a Marcutti e batte il numero uno di casa con grande freddezza: 2-0 al 37’. Risultato bugiardo per il Tavagnacco che si butta a capofitto alla ricerca del gol. Gol che arriva al 45’ grazie al colpo di testa di Milenkovic che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Zorri, mette dentro il 2-1 con cui si chiude la prima frazione di gara. Il secondo tempo si apre con un Tavagnacco arrembante che costringe il Bardolino sulla difensiva. Al 54’ la girata di Panico da centro area non impensierisce Marcutti. Quattro minuti dopo è Paliotti a sprecare una buona occasione con un tiro che finisce a lato di poco. L’occasione migliore per le padrone di casa, capita sulla testa di Camporese che impegna severamente Picarelli. Il numero uno ospite si allunga sulla sua destra e respinge la conclusione a colpo sicuro del centrocampista gialloblu. La Graphistudio cinge d’assedio la trequarti veronese e mister Longega è costretto a correre ai ripari: fuori Boni, un trequartista, per il laterale difensivo D’Adda. Le campionesse d’Italia guadagnano metri e la partita torna ad essere equilibrata. La formazione di casa allenta inevitabilmente la presa e il Bardolino tenta qualche sortita per chiudere definitivamente i conti. Per poco non ci riesce Gabbiadini che manca di un soffio l’appuntamento con il gol da posizione ravvicinata (78’). Il Tavagnacco tenta fino all’ultimo di recuperare il match, ma al minuto 82 la partita si chiude: Gabbiadini vince un rimpallo con Gama, entra in area dalla sinistra e batte Marcutti in uscita disperata. E’ il 3-1 finale che punisce le friulane oltre il lecito e permette alle veronesi di mantenere il primo posto solitario.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
218