Aperitivo a Grado

Vajont: speciali e approfondimenti televisivi a 50 anni tragedia

facebook

Per ricordare la tragedia del Vajont del 9 ottobre 1963, la Rai propone nella giornata di domani una serie di programmi, speciali e approfondimenti. Nel 50/o anniversario della sciagura che causò quasi 2.000 morti Rai2 ripropone con il noto spettacolo di Marco Paolini “Vajont – Storia di una tragedia annunciata”, in onda alle 24.00.

Mentre Rai 5 lo riproporrà in prima serata sabato 12 ottobre alle 21.15. Paolini è protagonista di un’orazione civile alla presenza di un pubblico formato da superstiti, parenti e amici della gente dei paesi colpiti dalla catastrofe. Scritto insieme a Gabriele Vacis – ma con il contributo sostanziale di tantissime testimonianze – è diventato un vero pezzo di teatro, portato in giro per varie rassegne, fino a ritrovarsi applaudito, riempito di premi e riconoscimenti. Paolini rimette in gioco la memoria dei paesi e della gente, l’impegno dello scrittore, il potere affascinante e coinvolgente del racconto, della parola detta. I morti di quella notte vengono ricordati insieme e uno ad uno, fissati per sempre nelle loro case, nelle piazze dei paesi, nelle osterie dove erano andati in tanti per seguire una importante partita di calcio in televisione. L’attore racconta tutta la storia a partire dagli anni ’50 e ancor più indietro, fino dove arrivano le tracce delle prime misurazioni, dei primi progetti; poi va avanti fino al processo, presentando documentazioni precise, articoli di giornali, dichiarazioni che già annunciavano la grande catastrofe. Lo spettacolo venne trasmesso per la prima volta da Rai2 nel 1997.

Su Rai3 alle 12.45 appuntamento con “Pane quotidiano”, la trasmissione condotta da Concita De Gregorio. Il programma quotidiano dedica una puntata speciale con lo scrittore Francesco Niccolini e l’illustratore Duccio Boscoli. Per non dimenticare Rai Movie trasmette alle 21.15 il film “Vajont”, di Renzo Martinelli con Michel Serrault, Daniel Auteuil, Laura Morante, Anita Caprioli Leo Gullotta e Philippe Leroy.

Radio3 ricorda e racconta la tragedia del Vajont lungo tutto il palinsesto della giornata di domani. Il tema della memoria si allarga al tema della comprensione di quello che è accaduto. Per mano dell’uomo. Così come recita un documento dell’Onu del 2008 che mette il Vajont al primo posto tra i cinque peggiori esempi di gestione del territorio e dell’ ambiente. Le responsabilità della politica e del potere, ma anche quella della scienza. Il racconto di chi oggi vive lì e vorrebbe non essere riconosciuto solo per essere “uno di quelli del Vajont dove è crollata la montagna”. Radio3 proporrà nei programmi della giornata le voci di testimoni, geologi, cittadini, scrittori, registi,insegnanti, artisti e ascoltatori.

347