Aperitivo a Grado

Udinese – Borussia: intervista a Giovanni Adami

facebook

 udinese.jpgIn previsione della prossima partita di coppa Uefa che verrà l’Udinese opposta al Borussia Dortmund abbiamo sentito un tifoso storico dei bianconeri: Giovanni Adami

 

  • Giovanni Adami storico nome della curva udinese, nonché famoso in tutta italia come l’avvocato degli ultrà, è la persona ideale per guidare tutti i friulani verso la trasferta di Dortmund che vedrà l’udinese impegnata il 18 settembre contro il Borussia. Ancora si sa poco su biglietti e voli, tu da storico tifoso di trasferta che consigli dai agli amici di Udine20 che cercano già informazioni sulla trasferta?

 Mah, non credo in realtà di poter guidare nessuno… I tifosi friulani riassaporano l’Europa ed il suo inconfondibile spirito per cui recupereranno la capacità organizzativa che li ha distinti nelle folate europee degli anni passati. La Curva sta provando ad organizzare un Charter  e comunque c’è sempre il rimedio del pullman (oltre 1000 km). Purtroppo non giocheremo più in casa prima della trasferta per cui il tifoso dovrà informarsi attraverso i siti internet o i quotidiani. Ultimo consiglio: Ryanair da Bergamo Orio al Serio direzione Dusseldorf Weeze con andata il 18 e ritorno il 19 ancora disponibile a prezzi abbordabili.

 

 

 

  • E per quanto riguarda i biglietti? Bisogna aspettare news dalla società o è meglio cercare di muoversi come cani sciolti per accaparrarsi subito i tagliandi

 Saranno messi in vendita anche a Udine, il settore ospiti è ampio (6000 posti) quindi non dovrebbero esserci problemi.

 

 

 

  • E’ pensabile di partire senza biglietto e andare all’avventura in terra teutonica? Cosa si rischia?

 Lo stadio è monumentale ma sempre tutto esaurito. La scorsa estate a fine luglio ho visto l’amichevole Borussia- Roma e non era disponibile nemmeno un  tagliando…. Ed era un’amichevole di mezza estate! Fra l’altro il bagarinaggio è punito penalmente in Germania per cui chi è alla ricerca del biglietto dell’ultimo minuto deve muoversi all’esterno dello stadio con molta cautela.

 

 

 

  • Tu seguirai l’Udinese anche in questa difficilissima trasferta di Uefa?

 Certo, problemi lavorativi dell’ultima ora permettendo, come sempre….

 

 

 

  • In occasione della storica partita di champions con il Werder hai anche dato il via a un gemellaggio con la tifoseria tedesca; ci racconti come è nato questo gemellaggio e spiega ai tifosi friulani che tipo di accoglienza devono aspettarsi dai tedeschi?

 Verrà da ridere ma in un’estate a metà anni ’90  mi sono trovato a fare l’autostop in pieno deserto siriano con un nugulo di arabi e due ragazzi biondi. Abbiamo cominciato a parlare e si trattava di due fratelli tedeschi di Brema. Il mio gruppo si è unito al loro ed abbiamo continuato la vacanza insieme  parlando di calcio, del Werder e dell’Udinese. La prima bandiera biancoverde è comparsa in curva Nord a Udine per un duplice impegno contro l’Empoli e contro la Roma, poi nella prima trasferta di Leverkusen. Chiaramente ho cominciato a ricambiare le visite 5/6 volte all’anno. Di conseguenza è venuto facile trasformare la sfida di Champions in una doppia festa. In realtà non trattasi di un gemellaggio ufficiale (la Nord ne riconosce solo due con Vicenza e Salisburgo) ma di un’ottima amicizia interpersonale. A Dortmund ne sono annunciati circa 20 in settore con noi.

 

 

 

  • Venendo a temi tecnici cosa ti pare di questa Udinese Marino bis che sembra aver accantonato il 4231  per tornare al 433 dell’anno scorso?

 Se il buongiorno si vede dal mattino… Credo comunque che il test di coppa sia veramente probante: i tedeschi sono avanti di preparazione circa un mese rispetto a noi (la prima partita di Coppa di Germania è stata giocata ad inizio Agosto) e sono in vetta alla classifica. Tecnicamente l’Udinese è meglio assortita. Vedremo… Se superiamo indenni la bolgia di Dortmund…

 

 

 

  • Dortmund per tutti i tifosi italiani rimane anche l’indimenticabile vittoria per 2-0 nella semifinale dei mondiali del 2006? Quel giorno eri allo stadio?

 Al termine della partita con la Georgia a Genova ho stretto la mano a Grosso dicendogli che mi ha regalato uno dei giorni più belli della mia vita… Che battaglia ! Anche sugli spalti: 70.000 contro 6.000, eravamo ridotti a cantare quando i tedeschi dovevano fisicamente riprendere fiato. Ma alla fine abbiamo sparato a squarciagola proprio il loro coro preferito: “Berlin, Berlin wir fahren nach Berlin”. A Berlino a giocarci la coppa del Mondo ci andiamo noi….

 

 

 

  • Sappiamo che segui l’italia in numerose trasferte; sarai a Cipro? E che significato ha per un tifoso ospitare l’italia nello stadio della propria squadra

 Si a Larnaca, e purtroppo il piano voli non mi permetterà di rientrare in tempo per la partita casalinga con la Georgia. In Italia ospitare la nazionale non ha il significato che riveste all’estero dove le città e le tifoserie abbracciano la rappresentativa. Noi italiani siamo un po’ freddini in generale, forse il sud sente di più il richiamo degli azzurri. Spero che a Udine vada tutto bene anche perchè purtroppo in questo momento i tifosi georgiani hanno ben altro a cui pensare…

697