Aperitivo a Grado
facebook

vino1.jpg

Riflettori puntati su Friulano e Picolit Docg in occasione dell’evento Internazionale Vino & Territorio. La sesta edizione di Vino & Territorio, work shop internazionale organizzato dal Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia e sostenuto dalla Camera di Commercio di Gorizia, si svolgerà l’8 e il 9 marzo 2008 presso la Villa di Toppo Florio di Buttrio.
Vino & Territorio ha dato modo nel corso delle passate edizioni di valorizzare i vini del Friuli Venezia Giulia nel mondo, contribuendo a far conoscere l’eccellenza che li contraddistingue. E’ indubbio, infatti, che i vini regionali sono uno dei prodotti bandiera del nostro territorio e sono apprezzati in tutto il mondo per le loro caratteristiche ineguagliabili.
Proprio puntando sull’unicità dei nostri vini, in cui si rintraccia pienamente forte legame con il territorio, quest’anno Vino & Territorio sarà sicuramente l’occasione per approfondire in particolare due aspetti commerciali ed enologici di rilevanza: il passaggio dal Tocai al Friulano e la nuova Docg Picolit. Dopo annose controversie che, nel bene e nel male, hanno avuto il merito di suscitare clamore e curiosità intorno al “caso Tocai”, ora risulta fondamentale sfruttare in positivo questa pubblicità e proseguire sulla strada tracciata proponendo al mondo intero, rappresentato dagli importatori presenti all’evento, il Friulano – Vendemmia 2007. Ecco quindi che tutti i cinquanta produttori aderenti all’iniziativa hanno inserito questa tipologia di vino nella scheda che li rappresenta nel catalogo dell’evento ed apriranno quindi le porte alle trattative commerciali che concerneranno tale prodotto. Vino & Territorio potrà essere, inoltre, un’ulteriore vetrina anche per una delle perle dell’enologia friulana, il Picolit, vino raro e prezioso, che dal 2006 ha conquistato la Docg e prossimamente inizierà il suo percorso di commercializzazione. L’evento, unico nel suo genere in Friuli Venezia Giulia, porta in regione circa sessanta importatori stranieri provenienti da America, Canada, Danimarca, Olanda, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, Cina, Giappone, Taiwan, India, Malesia, Singapore, Lituania, Estonia, Polonia, Rep. Ceca, Russia, Messico, Nuova Zelanda, Turchia, Germania, Inghilterra ed interessati ad instaurare ed approfondire rapporti economici con le aziende vitivinicole locali. Vino & Territorio rappresenta, per il format con il quale è stato ideato, un appuntamento di grande importanza per tutto il comparto vitivinicolo del Friuli Venezia Giulia, in quanto opera nell’ottica dell’acquisizione di nuovi contatti, del consolidamento di quelli già esistenti e dello sviluppo globale del nostro territorio, garantendo visibilità alle aziende vitivinicole e al settore strategico dell’ enoturismo e dell’enogastronomia. Durante le giornate di sabato 8 e domenica 9 marzo, infatti, saranno organizzati appuntamenti prefissati che daranno modo agli importatori di incontrare personalmente le aziende vitivinicole che aderiscono all’iniziativa. I colloqui individuali “one to one” sono studiati appositamente per permettere agli operatori coinvolti di sviluppare relazioni prettamente economiche e valutare eventuali accordi commerciali. A questo fine ogni azienda vitivinicola disporrà di una propria postazione in cui si svolgeranno di volta in volta gli appuntamenti d’affari concordati e potrà presentare i propri prodotti. In occasione di Vino & Territorio saranno presenti in regione anche una delegazione di giornalisti specializzati nel settore del vino, provenienti da Germania, Austria, Russia, Corea del Sud, Canada, Polonia e Svizzera, che visiteranno le aziende e le zone di produzione e avranno modo di riportare il loro viaggio sulle testate di appartenenza.
L’importante iniziativa di “Vino & Territorio”, è resa possibile da un contributo finanziario erogato nell’ambito dell'”Accordo di Programma” Regione Friuli Venezia Giulia/ICE/MAP in stretta sinergia con la Camera di Commercio di Gorizia, responsabile dell’implementazione del progetto, e grazie alla collaborazione del Comune di Buttrio.

Fonte: Movimento Turismo del Vino

470