15 novembre sciopero generale, manifestazione a Pordenone

immagine archivio –  Si svolgeranno dall’11 al 15 novembre prossimo gli scioperi articolati a livello territoriale proclamati da Cgil, Cisl e Uil il 21 ottobre scorso per ottenere un cambio di passo della legge di stabilità. Lo prevede il calendario delle mobilitazioni reso noto oggi.

Ad avviare l’ondata di scioperi di 4 ore sarà la Calabria dove a Cosenza, l’11 novembre prossimo, i lavoratori sfileranno anche in corteo a Rossano. Seguirà, il 12 novembre, la Basilicata con Potenza e Matera mentre per il 13 toccherà al Lazio dove oltre allo sciopero è prevista una manifestazione a Roma da piazza Esquilino a piazza SS Apostoli. Sempre il 13 a scioperare sarà anche la Toscana, con corteo a Firenze, mentre il 14 novembre sarà la volta della Liguria con corteo a Genova.

 Il 15 novembre a mobilitarsi, invece, saranno tutte le altre Regioni. A Milano oltre allo sciopero i lavoratori sfileranno in corteo come a Torino e Venezia. Sciopero doppio in Friuli Venezia Giulia che ha messo in programma 8 ore di astensione dal lavoro e una manifestazione regionale unitaria a Pordenone. 4 ore di stop sempre il 15 novembre anche in Puglia che però diventano 8 a Foggia, e in Campania, a Avellino, dove si terrà anche una manifestazione in piazza verdi. Stop di 4 ore anche in Emilia Romagna: Imola, Parma e Piacenza sede per l’occasione, quest’ultima, di un dibattito dall'”esplicito” titolo “Cambiamo la legge di stabilità per sostenere i consumi e lo sviluppo”

470