Bearzi

A Udine il primo centro del Comune per la famiglia

30_03_16 via zilli 02

“Un centro di servizi per le famiglie, perché come amministrazione crediamo molto sul dare sostegno, attraverso varie le professionalità, a tutti i nuclei familiari che rendono solida la società in cui viviamo”. Con queste parole il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha inaugurato oggi pomeriggio, 30 marzo, il primo “Centro per la Famiglia” del Comune di Udine, uno spazio polifunzionale che offre servizi informativi e di orientamento per le famiglie con bambini, attività di supporto agli anziani e ai cittadini del quartiere Aurora.

A tagliare il nastro del centro, che si trova in un edificio di proprietà comunale in via Zilli 53, oltre al sindaco, c’erano le assessore alla Salute ed Equità Sociale, Simona Liguori, e ai Diritti e Inclusione sociale, Antonella Nonino, il consigliere comunale delegato di quartiere, Federico Filauri, numerosi altri consiglieri comunali, i presidenti dell’Ordine degli psicologi del Fvg, Roberto Calvani, dell’Ordine dei medici, Maurizio Rocco, di Federfama Udine, Roberto Pascolini, il direttore del distretto sanitario, Luigi Canciani, sindacati e rappresentanti associazioni. Assente per sopraggiunti impegni istituzionali l’assessora regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca.

Coordinato dall’assessore Liguori, e realizzato con il sostegno dell’Azienda sanitaria 4 Friuli Centrale e del Distretto Sanitario di Udine, “il progetto è stato sostenuto dall’intero Consiglio Comunale di Udine – precisa l’assessore – perché persegue l’importante obiettivo di avvicinare i servizi ai cittadini direttamente nei quartieri”.

Il Centro diventerà un contenitore di molteplici servizi: ospiterà l’ambulatorio mamma-bambino e il pediatra, supporterà i genitori con esperti e consulenti, fornirà informazioni e orientamento su tutti i servizi socio-assistenziali che città e territorio offrono a bambini, famiglie e anziani, darà spazio alle associazioni di volontariato che qui troveranno luogo di scambio e collaborazione per attività e progetti.

Ci sarà anche uno psicologo di comunità grazie all’accordo con l’ordine degli psicologi del Friuli Venezia Giulia e darà sostegno alle attività di supporto coordinate dalla parrocchia. “Sarà uno spazio di accoglienza per la comunità, con la possibilità di proporre momenti di incontro, attività e confronto per promuovere il benessere e favorire le reti di relazione – prosegue Liguori –. Gestito in forma integrata dai servizi socio-assistenziali territoriali e dalle associazioni di volontariato, di facile accessibilità da parte dei cittadini del quartiere, il Centro di via Zilli offrirà servizi alle mamme, ai bambini, ma anche agli anziani rimasti soli che hanno bisogno di aiuto, di supporto e per i quali la comunità diventa una nuova famiglia. Sarà un nodo funzionale dell’assistenza sul territorio, punto di riferimento per i cittadini e per le associazioni di volontariato”.

I servizi saranno attivi già a partire da martedì 5 aprile con l’orario ambulatoriale del medico pediatra (tutti i martedì dalle 15 alle 17) e dell’ambulatorio mamma-bambino (tutti i giovedì dal 7 aprile dalle 9.30 alle 12). “Nel quartiere Aurora torna così il pediatra – sottolinea ancora Liguori – dopo le accorate proteste del comitato genitori che mesi fa aveva raccolto oltre 130 firme per richiedere la riattivazione del servizio. Dal momento che alcune associazioni hanno già manifestato il loro interesse per dare un contributo attivo all’attività del Centro – conclude – prossimamente è nostra intenzione pubblicare un avviso per ricevere manifestazioni di interesse da parte di soggetti interessati”.

facebook
1.785