Bearzi

A23, tutti in colonna per il rientro

E’ ancora la A23, nel tratto Udine sud nodo di interconnessione con la A4 all’altezza di Palmanova, il punto più congestionato della rete autostradale di Autovie Venete in questo fine settimana. Quattordici i chilometri di coda registrati alle 11 del mattino. A poco valgono i pannelli a messaggio variabile, posizionati prima degli ingressi che, oltre a indicare la lunghezza della coda, avvertono gli utenti della chiusura dell’autostrada a Udine Sud (dalle 10 e 30 del mattino) in direzione Palmanova. Molti imboccano ugualmente il raccordo in direzione del casello. Di concerto con la Polstrada, che ha autorizzato la decisione, Autovie ha immediatamente inviato sul posto il personale in servizio per gestire le manovre di conversione, permettendo così ai veicoli di uscire dall’autostrada. Una decisione che viene presa solo in casi eccezionali. Tutto in strada il personale della Concessionaria e ben sei le pattuglie della Polstrada in servizio. Dopo un venerdì decisamente impegnativo, anche a causa del maltempo che ha rallentato notevolmente la circolazione, anche oggi il traffico è molto intenso. Sulla A23 le prime code hanno iniziato a formarsi verso 8 e 30 e la lunghezza è cresciuta costantemente. Traffico soprattutto di rientro che, all’altezza del nodo di interconnessione con la A4 si è incrociato con il flusso proveniente da Trieste Lisert dove le attese non sono mai state eccessive, con code che, al massimo hanno raggiunto i due chilometri. Sulla A4, segnalati code e rallentamenti da Villesse fino a San Giorgio di Nogaro in direzione Venezia e fra San Stino e Cessalto, così come rallentamenti a tratti, in ingresso al casello di Latisana.

 

facebook

Lascia un commento

405