Accordo di programma tra Comune di Udine e Istituto Bearzi

firma accordo bearzi
Il Comune di Udine e l’istituto salesiano “G. Bearzi” hanno sottoscritto un accordo di programma per il riassetto funzionale e urbanistico dell’area sulla quale sorge il polo scolastico. L’intesa, siglata ieri 30 novembre a palazzo D’Aronco dal sindaco di Udine Furio Honsell e dal direttore del Bearzi don Dino Marcon, consentirà all’istituto di via Don Bosco di riorganizzare e razionalizzare gli spazi del complesso scolastico, e soprattutto di realizzare le strutture sportive funzionali alle attività dell’istituto. Una svolta attesa da anni dalla dirigenza dell’istituto salesiano.

“Il Bearzi rappresenta un’importante risorsa per la città e da decenni svolge una funzione educativa fondamentale – sottolinea Honsell –. Per questo motivo l’amministrazione comunale si è attivata da subito per dare risposta alle esigenze del complesso scolastico”. Sottoscrivendo l’accordo di programma, il Comune si impegna infatti ad adottare una variante urbanistica che inquadri in maniera corretta le superfici, incluse tra due tratti delle linee ferroviarie, da destinare alle attrezzature sportive e alle relative pertinenze, come magazzini e spogliatoi.

Particolarmente importante è il progetto relativo all’atteso nuovo impianto sportivo di rugby, che ospiterebbe le partite e gli allenamenti dell’associazione Leonorso. Inoltre per migliorare la funzionalità di tutto il polo scolastico, l’amministrazione comunale cederà al Bearzi un tratto di via Monte Nevoso che servirà da collegamento con l’area su cui sorgeranno i nuovi impianti sportivi, e il sedime di un piccolo canale di irrigazione che attraversa il futuro complesso sportivo. “Si tratta di piccole porzioni di sedimi che per il Comune non hanno alcuna funzione e pesano sul bilancio comunale per le spese di manutenzione – spiega l’assessore alla Pianificazione Territoriale Mariagrazia Santoro –. Per il Bearzi, invece, costituiscono un’importante risorsa per l’ottimizzazione delle attività dell’istituto”.

Lascia un commento

753