Addio Felipe, D’Agostino al bivio?

dago20Dopo l’addio di Pasquale Marino e quello di Felipe negli ultimi giorni radiomercato ha spesso avvicinato il nome di Gaetano D’Agostino alla maglia bianconera della Juventus; il procuratore di D’Agostino smentisce ma il mese di Gennaio è lungo…E quindi la cura De Biasi, iniziata con l’auspicio di una rapida risalita di una classifica resasi ormai pericolosa si è subito dovuta privare di Felipe Dalbelo, il brasiliano arrivato a Udine a soli 15 anni e che dalle giovanili bianconere è arrivato al posto da titolare fisso con la “medaglia” dello storico e momentaneo gol del pareggio in Champions League contro il Barcellona al Camp Nou. Poi con l’arrivo di Marino complice qualche infortunio e la crescita di alcune alternative (Coda su tutti) il progressivo accantonamento di Felipe che quest’anno dopo due prestazioni negative a inizio campionato è stato messo da parte sia con la difesa a 3 sia con la difesa a 4. Incomprensioni con Marino che erano abbastanza note e che sembravano destinare Felipe lontano da Udine fin da gennaio. Nonostante l’esonero di Marino il brasiliano è stato ceduto alla Fiorentina per la considerevole cifra di 9 milioni (pagabile in tre anni). La dirigenza viola si è dichiarata molto felice di questo acquisto che avevano tentato di concretizzare già la scorsa estate quando i viola avrebbero offerto 12 milioni.

E proprio nella scorsa estate la trattativa che tenne banco per svariate settimane sulle pagine di quotidiani locali e nazionali fu quella del trasferimento di D’Agostino alla Juve: lunga tira e molla sulla cifra (Pozzo chiedeva 18, la Juve offriva 12) che vide poi la Juve scegliere Melo per la cifra di 25 milioni. Ora con il rendimento assolutamente deficitario del brasiliano (che interesserebbe all’Arsenal) la Juventus si sarebbe rimessa sul mercato per cercare un centrocampista con doti di regia:  sondato Ledesma in rotta assoluta con la Lazio l’alternativa che prende quota è quella di D’Agostino, regista dell’Udinese, reduce comunque da un inizio di campionato assolutamente non ai livelli dell’anno scorso. Il suo procuratore Zavaglia interpellato in merito ha dichiarato che “Sicuramente la Juventus ha il suo fascino, ma difficilmente l’Udinese rinuncera’ a Gaetano a gennaio. E’ seguito da molte squadre? Il valore di D’Agostino non lo scopriamo certo ora e lui farebbe sicuramente comodo a tanti, ma ora fa soprattutto comodo all’Udinese. Non penso quindi che il club friulano si privera’ del giocatore”.

Intanto De Biasi ha cominciato a preparare il ritorno in campo previsto per il 6 gennaio a Bari cercando soprattutto di restituire serenità a un gruppo scosso dalla classifica deficitaria e parzialmente dall’esonero di Marino: il “condottiero” che ha lanciato sulla ribalta molti dei titolari; probabile il ritorno al 442 di metà stagione coi recuperati Sanchez e Pepe a giostrare sulle due fasce. Per tutto il mese di gennaio l’assenza di Asamoah, impegnato in Coppa d’Africa, faciliterà questa opzione ma col ritorno del centrocampista ghanese uno fra lui, Inler e D’Agostino (posto che sia ancora a Udine) dovrà accomodarsi in panchina, senza considerare Isla, nazionale cileno da terzino, che difficilmente troverà spazio, almeno da titolare

Lascia un commento

392