Agricoltura: siglato accordo per Piattaforma garanzia a favore aziende

Shaurli, il Fvg fra le prime 8 regioni

Verona, 8 apr – Il Friuli Venezia Giulia è una delle prime
otto Regioni ad aver siglato, oggi a Verona, a palazzo della Gran
Guardia, l’accordo quadro che dà attuazione alla Piattaforma
italiana multiregionale di garanzia.

Si tratta di un protocollo di intesa siglato con la Banca europea
degli investimenti (Bei), il Fondo europeo per gli investimenti
(Fei), la Cassa depositi e prestiti (Cdp) e l’Istituto di servizi
per il mercato agricolo alimentare (Ismea) per migliorare
l’accesso al credito alle imprese agricole e sostenere
investimenti orientati ad accrescere la competitività nei settori
della produzione, trasformazione e distribuzione di prodotti
agricoli.

“Questo strumento – ha affermato l’assessore del Friuli Venezia
Giulia, Cristiano Shaurli presente oggi a Verona – offre una
straordinaria opportunità di creare, con una nostra limitata
partecipazione economica, un fondo di garanzia che si moltiplica
con le risorse dei soggetti coinvolti per un totale complessivo
di circa 800milioni di euro nella forma di una ‘contro’ garanzia
illimitata offerta a intermediari finanziari, quali gli istituti
di credito, per contribuire ad ampliare l’accesso al credito del
settore agricolo e per dare ulteriori risposte ad un comparto che
sta crescendo ma che a volte risente ancora della crisi”.

“E’ una proposta innovativa – ha concluso Shaurli- che va ad
integrare il grande investimento fatto dalla Regione sulla nostra
legge n.80 fondo di rotazione in agricoltura per circa 200
milioni di euro negli ultimi 2 anni componendo così un panel di
opportunità importanti e complementari per le nostre aziende, per
i loro investimenti e per l’accesso a credito e garanzie”.

La garanzia assunta dalla nostra Regione riguarda solo i crediti
concessi ad aziende aventi sede nel territorio regionale.
Nelle intenzioni di tutte le parti firmatarie, la Piattaforma di
garanzia, lanciata di concerto e con il supporto fondamentale
delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto, Piemonte, Toscana,
Umbria, Campania, Puglia e Calabria, che hanno siglato oggi il
Protocollo d’intesa, è uno strumento finanziario aperto
potenzialmente a tutte le altre Regioni italiane.

Alla cerimonia di lancio ufficiale del fondo di garanzia sono
intervenuti, fra gli altri, il ministro delle Politiche agricole
alimentari e forestali Maurizio Martina, il ministro maltese per
l’Agricoltura Roderick Galdes e quello polacco Krzysztof Jurgiel
con Phil Hogan, commissario europeo per l’agricoltura e lo
sviluppo rurale, il vicepresidente della Banca europea per gli
investimenti Dario Scannapieco, l’amministratore delegato del
Fondo europeo per gli investimenti Pier Luigi Gilibert,
l’amministratore delegato e direttore generale di Cassa depositi
e prestiti Fabio Gallina, il presidente di Ismea Enrico Corali.

La presentazione ufficiale della Piattaforma è stata preceduta
dalla conferenza su “Sessant’anni di Europa, sessant’anni di
Politica agricola comune. L’agricoltura europea, dalle radici al
futuro” in cui sono state ripercorse le tappe salienti della Pac:
dai primi obiettivi fino alle evoluzioni. Il convegno ha messo in
luce ancora di più l’importanza di una visione comune per
affrontare le sfide del futuro.

“L’accordo interregionale fa Regioni – ha aggiunto Shaurli –
mostra come i trattati di Roma possono e devono avere ancora oggi
ricadute concrete”.
ARC/LP/EP

Powered by WPeMatico

789