Ambiente: no ulteriori divieti in aree protette Isola della Cona

Trieste, 23 feb – Non ci sarà alcun ampliamento del divieto di
navigazione o balneazione nell’area della foce dell’Isonzo, Isola
della Cona. Una linea d’indirizzo confermata dalla delibera
approvata oggi dalla Giunta regionale che adotta il piano di
gestione del Sito Natura 2000 (Zsc/Zps) che riguarda quella
specifica parte di territorio.

Questo quanto confermato dalla Regione nel corso di un incontro
che si è tenuto oggi a Trieste con alcuni rappresentanti
dell’associazione Amici dei Caregoni i quali hanno manifestato il
timore per l’introduzione di eventuali nuovi vincoli che
potessero limitare la fruizione del canale ai diportisti.

Nel dettaglio, la Regione ha sottolineato come l’adozione da
parte della Giunta del piano di gestione della Zsc/Zps Foce
dell’Isonzo-Isola della Cona non preveda alcuna variazione
rispetto alla situazione attuale in merito all’accessibilità
delle aree del Canale.

Di fatto, il piano, consultabile online da martedì prossimo sul
sito istituzionale dell’Amministrazione regionale, mantiene le
prescrizioni di limitazione all’accesso per quelle zone, come ad
esempio l’Isola dei Gabbiani, che erano già tutelate da
specifiche ordinanze emesse in base al regolamento della Riserva
naturale regionale, la quale viene gestita dai Comuni di
Staranzano, San Canzian d’Isonzo, Fiumicello e Grado.

Quindi, come ribadito dalla Regione, il nuovo piano paesaggistico
ha di fatto preso atto dell’esistente, ovvero di quelle che erano
le zone interdette di un’area naturalistica che ha assunto
un’importante e certificata rilevanza internazionale e che attrae
ogni anno oltre 15mila visitatori.

Al termine del confronto i rappresentanti dell’Associazione,
ringraziando l’Amministrazione per i chiarimenti e le
informazioni ricevute, hanno manifestato la propria soddisfazione
per una decisione che rappresenta, come è stato ribadito dalla
Regione, una sintesi equilibrata tra i diversi interessi in campo.
ARC/GG/fc

Powered by WPeMatico

771