Bearzi

Ambiente: Vito, 2 mln euro per roggia San Giusto a Monfalcone

Trieste, 29 dic – “Si tratta di un’opera attesa da tempo e
quest’ultimo finanziamento statale, che ammonta a oltre 1,7
milioni di euro, rappresenta una risposta concreta a un problema
annoso che riguarda il centro cittadino di Monfalcone”.

Lo ha detto l’assessore all’Ambiente del Friuli Venezia Giulia,
Sara Vito, a commento della previsione nel piano operativo
approvato dal comitato interministeriale per la programmazione
economica (Cipe) dell’intervento strutturale di consolidamento
del tratto intubato della roggia San Giusto che attraversa
l’abitato di Monfalcone.

L’importo stanziato corrisponde a 1.731.100 euro, mentre già lo
scorso mese di novembre era stato assegnato dal ministero
dell’Ambiente alla Regione un finanziamento di 268.900 euro per
le spese di progettazione dei lavori, di cui a breve verranno
avviate le procedure per l’affidamento dell’incarico sentita
prima l’Amministrazione comunale e Iris Acqua che aveva
predisposto una prima relazione di fattibilità dell’intervento.

Nel dettaglio, dalle indagini conoscitive condotte dalla società
che gestisce il ciclo integrato delle acque risulta che tutta la
canalizzazione presenta diffuse criticità statiche. A causa di
questo cattivo stato di conservazione della roggia si potrebbero
pertanto verificare in futuro dei crolli con pericolo per la
viabilità comunale soprastante il corso d’acqua e per gli edifici
limitrofi. Questo in considerazione del fatto che la roggia nel
secolo scorso è stata prima sistemata con manufatti di
contenimento in muratura e, in seguito, negli Anni 60 e 70,
alcuni edifici sono stati costruiti nelle sue adiacenze.

La proposta d’intervento prevede, proprio per il fatto che
l’acqua passa, in alcuni casi, al di sotto di alcuni immobili, un
consolidamento strutturale dei manufatti che contengono la roggia
mediante l’impiego di tubazioni in materiale plastico con
connessione mediante giunto a bicchiere.

Per la posa in opera delle condotte saranno necessari scavi in
ambito urbano a distanze prestabilite, in modo da poter allestire
il cantiere. A posa ultimata si prevede l’iniezione a pressione
di malta cementizia nell’intercapedine tra la vecchia muratura e
la nuova condotta, da effettuarsi in più fasi. La posa delle
condotte e l’intervento di consolidamento dovrebbe essere
preceduto da un’attività di pulizia dell’intero sistema al fine
di asportare il materiale depositatosi negli anni.

La sistemazione strutturale della roggia copre una lunghezza
complessiva pari a 2.160 metri. L’intervento di questo primo
lotto, compresa la progettazione, ha visto stanziati 2 milioni di
euro.

“Sui temi dell’ambiente e della sicurezza idrogeologica – ha
sottolineato l’assessore – stiamo procedendo con grande
determinazione, cercando di rispondere con i fatti alle esigenze
del territorio. In questo senso, l’attenzione e le risorse del
Governo, e in particolare il finanziamento complessivo di 31
milioni di euro del Cipe per il Friuli Venezia Giulia, hanno
visto premiato il dialogo che questa Amministrazione ha avuto con
il Ministero nel sottoporre i temi della sicurezza idrogeologica
e della depurazione delle acque, individuando tra le priorità –
ha concluso – un territorio importante come quello di Monfalcone”

ARC/GG/fc

Powered by WPeMatico

facebook
861