Aperitivo a Grado

Anteprima Folkest: la fieste de sedon – 13/14 giu

facebook

sedonLa Fieste da Sedon giunge alla sua terza edizione, dopo il successo delle prime due edizioni del 2007 e 2008.

Organizzata  dall’Associazione Borgate di San Pietro, dalla Pro Loco Ragogna e   dall’Associazione Culturale Folkgiornale, con il contributo della   Provincia di Udine e del Comune di Ragogna è strutturata come un   festival dedicato alla musica tradizionale friulana come spunto per   la valorizzazione di uno dei luoghi storici di maggior significato   ricostruiti dopo il terremoto, il Castello dei Conti di Ragogna, un   mastio antico dove si respira la storia, inebriandosi dell’aria che   sale dal Tagliamento e godendo di una delle più incredibili viste   paesaggistiche dell’intero Friuli.

La Sedon Salvadie festeggerà quest’anno i ventisette anni di   attività, anni che hanno visto il gruppo esibirsi in tutto il mondo e   collaborare anche con musicisti molto importanti (Angelo Branduardi,   Massimo Bubola, The Chieftains, Carlos Nuñez e Inti Illimani tra gli   altri).
Dalle file de La Sedon Salvadie hanno preso le mosse le formazioni più significative dell’attuale panorama musicale friulano:  da Giulio Venier, ad Andrea Del Favero, a Lino Straulino, Emma
Montanari, Marisa Scuntaro, Dario Marusic, Glauco Toniutti, Flaviano  Miani, Gianluca Zanier, tutti hanno militato o militano in questa  formazione e hanno dato o danno vita a molti altri gruppi e realtà di  ricerca e di riproposta, quali Carantan, Braul, Tischlbong, Montanari  Grop, Furclap, Braul, Nosisà, Lino Straulino…
Ventisette anni di storia, visti con gli occhi di tre generazioni di  musicisti, diventano così l’occasione per ripercorrere le tappe della  riscoperta e dell’evoluzione della musica popolare friulana, dal  rischio di oblio degli anni Settanta, fino al grande impatto con i  media, alle tournée in tutto il mondo, alle apparizioni televisive e  agli special dedicati, oltre le prestigiose collaborazioni.
Nelle prime edizioni del 2007 e 2008 il mastio del castello di  Ragogna fu letteralmente preso d’assalto con una pacifica invasione  da parte di un pubblico proveniente da tutta la Regione, dal vicino  Veneto e da Slovenia e Austria, confermando la buona scelta che  abbinava grande spessore culturale a un richiamo turistico e  paesaggistico dai caratteri di forte unicità.

Radicato nel luogo e ormai connotatosi come il festival della musica  friulana di tradizione popolare è diventato una vetrina delle realtà  regionali di spicco e un’anteprima ideale e densa di significati per  una manifestazione di largo respiro come Folkest.

Elemento fondamentale e caratterizzante del castello Superiore di  Ragogna è il mastio, conosciuto anche come torre, utilizzato dai  Conti di Porcia fino alla seconda metà del XVIII, poi lasciato
lentamente cadere in rovina, distrutto dal terremoto nel 1976 e ora  superbamente ricostruito.

La Fieste da Sedon
Castello di Ragogna
13 - 14 giugno 2009
690