FEFF22

aquile
Bolzano che con decisione e rabbia lava l’onta subita alla prima giornata di campionato in cui le Generali Aquile FVG osarono “profanare” il PalaOnda portando a casa una vittoria. La formazione altoatesina si conferma squadra perfetta in trasferta e non lascia scampo ai gialloblu scesi sul ghiaccio troppo molli per poter contrastare chi aveva davvero una grande sete di vittoria. Undici rete subite sono forse una punizione troppo pesante, ma c’è da dire che le Aquile si sono viste solamente nel terzo periodo. Davvero troppo poco per poter competere contro questo Bolzano. E ora bisogna immediatamente dimenticare la prestazione negativa perché sabato c’è il Cortina – altro team affamanto di vittoria – e poi la sosta per la Nazionale che cade a puntino per ricaricare le pile, apparse quanto mai scariche.

Le Generali Aquile FVG subiscono il gioco dei campioni d’Italia sicuramente non spettacolare ma quanto mai concreto. Frazione non esaltante con le due squadre che si temono e questo va a discapito del gioco. Dopo una prima fase di studio, difesa pontebbana troppo ferma e Mather (3.03) ne approfitta in contropiede liberato da Pittis. Si apre la prima panca puniti per entrambi i team, ma sono gli altoatesini a

passare nuovamente. Questa volta Pittis serve un liberissimo Riihijärvi che trafigge Carpano. Aquile che faticano, stordite dalla partenza razzo del Bolzano che non fa sconti e sigla il terzo vantaggio all’8.05 alla prima superiorità. Arriva il time out friulano e i gialloblu si scuotono un po’ aumentando la pressione. Si inizia finalmente a giocare con Häkkinen che deve guadagnarsi il pane sulle conclusioni di McElroy, Koivunen, Marchetti e Lutz.

Ospiti che dilagano nei secondi venti minuti con un parziale di sei reti a zero che stronca sul nascere ogni più piccola reazione friulana. La sagra del gol altoatesina inizia al 3.44 con Corupe dopo un’azione portata avanti da Jardine da cui era scaturito un primo tiro di Clair. Pontebba che cerca la rete che possa dare quella scossa per uscire dal tunnel, ma non è giornata. Raduns, uno dei pochi a non mollare, ci prova senza fortuna, mentre il Bolzano è davvero senza pietà. Il 39enne Riihijärvi conquista un disco in zona neutra e libera per Borgatello che all’8.04 fa 5 a 0. Un minuto dopo è Clair a mettere il suo nome a referto. Pokel, come successo contro Asiago e Fassa prova a dare una svolta togliendo Carpano e inserendo Camin. Questa volta, però, la musica non cambia: passa un altro minuto ed è capitan Rolly Ramoser a festeggiare. Le Aquile ci provano, ma la voglia di vittoria del Bolzano è pari a un tornado. Altri 36 secondi e questa volta è la stecca di Pittis a dare l’ottavo dispiacere ai tifosi friulani che, prima della seconda sirena, sono costretti a vedere anche la doppietta di Ramoser. A conferma del fatto che non sia serata giunge la rete di Raduns che il capo arbitro Gasser, però, non convalida perché il disco entra a tempo ormai scaduto.

Con il risultato ormai ampiamente al sicuro, Bolzano inizia ad amministrare le fatiche e il Pontebba riesce a guadagnare ghiaccio. A suonare la sveglia di provano Koivunen, Lavrentiev e Marchetti alla disperata ricerca della rete della bandiera. Al 6.58 è miracoloso Häkkinen sulla conclusione di Nikiforuk, mentre sull’altro versante Clair non si fa pregare per portare in doppia cifra i suoi. Il drittel è più equilibrato dei precedenti e Lavrentiev (11.27) rovina lo shut-out al goalie bolzanino che capitola ancora 124 secondi dopo su tiro dalla distanza di McElroy. Gli schemi non ci sono più con i giocatori che si affidano ad azioni personali. Prima della sirena c’è ancora tempo per l’hat-trick di Rolly Ramoser dimenticato dalla difesa friulana (17.51) e per la rete di Lutz con la sua classica sassata dalla blu (19.03) che chiude l’incontro. Le Aquile vincono il drittel, ma è una magra consolazione.

Foto: Ranieri Furlan

SGP GENERALI AQUILE FVG – HC BOLZANO INTERSPAR FOXES 3:11 (0:3, 0:6, 3:2)

Reti: 3.03 (0:1) Mather (Pittis/Borgatello), 5.43 (0:2) Riihijärvi (Pittis), 8.05 (0:3pp) Riihijärvi (Clair/Di Lauro), 23.44 (0:4) Corupe (Clair/Jardine), 28.04 (0:5) Mather (Riihijärvi/Pittis), 29.09 (0:6) Clair (Jardine/Corupe), 30.08 (0:7) R. Ramoser (Borgatello/Pittis), 30.44 (0:8) Pittis (Mather), 35.08 (0:9) R. Ramoser (Ceresa/Dorigatti), 48.46 (0:10pp) Clair (Riihijärvi/Corupe), 51.27 (1:10) Lavrentiev (Koivunen/Nikiforuk), 53.31 (2:10) McElroy (Nikiforuk/Marchetti), 57.51 (2:11) R. Ramoser (Riihijärvi/Zisser), 59.03 (3:11) Lutz (Nikiforuk/Koivunen)

SG Generali Aquile FVG Pontebba: Carpano (Camin); Lutz, Marchetti, Ambrosi, Bonni, McElroy; Raduns, Felicetti, Nikiforuk, Koivunen, Rigoni, Ciresa, Lavrentiev, Nicolao, Rizzo
Coach: Tom Pokel

HC Interspar Bolzano Foxes: Häkkinen (Demetz); Wilde, Egger, Borgatello, Di Lauro, F. Ramoser, Ceresa; Clair, Corupe, Jardine, Pittis, Mather, Riihijärvi, R. Ramoser, Zisser, Walcher, Dorigatti
Coach: Jamie Bartman

Arbitri: Pichler (Lorengo/Unterweger)

Tiri: SGP Generali Aquile FVG 33 (8, 14, 11) – HC Interspar Bolzano Foxes 44 (17, 18, 9)

Penalità: SGP Generali Aquile FVG 24 (6, 2, 16) – HC Interspar Bolzano Foxes 16 (6, 6, 4)

Spettatori: 457

520