Bearzi

Autocertificazione dal 4 maggio. Scarica il nuovo modulo

Arriva il nuovo modulo di autocertificazione del ministero dell’Interno che sarà necessaria per giustificare gli spostamenti durante la Fase 2. Scaricalo qui

Nel nuovo modulo dovrete dichiarare di non essere sottoposti alla misura di quarantena dopo essere risultati positivi al coronavirus. (in caso affermativo nessuno spostamento è consentito!).
Dovete poi scrivere il luogo di partenza e quello di destinazione del vostro spostamento. Poi certificate di essere sia a conoscenza delle misure contenitive, sia delle sanzioni che possono essere applicate in caso di violazioni oltre a dichiarare di essere consapevole delle varie ordinanze regionali in caso di spostamento tra Regioni differenti.

Con il nuovo decreto, sarà comunque autorizzato lo spostamento nelle altre Regioni solo per motivi lavorativi o di salute.

Al punto in cui bisogna indicare il motivo dello spostamento, queste le opzioni si legge: esigenza lavorativa, assoluta urgenza, situazione di necessità, motivi di salute.

Sul sito del Viminale viene specificato che dal 4 maggio potrà essere ancora usato il modulo precedente barrando le voci non più attuali come indicato qui sotto

che lo spostamento è determinato da:

>
comprovate esigenze lavorative;
>
assoluta urgenza (per trasferimenti in comune diverso);
>
situazione di necessità (per spostamenti all’interno dello stesso comune o che rivestono carattere di quotidianità o che, comunque, siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere);
>
motivi di salute.

A questo riguardo, dichiara che _______________________________________________________________________________________ (lavoro presso …, devo effettuare una visita medica, urgente assistenza a congiunti o a persone con disabilità, o esecuzioni di interventi assistenziali in favore di persone in grave stato di necessità, obblighi di affidamento di minori, denunce di reati, rientro dall’estero, altri motivi particolari, etc….)

L’autodichiarazione è in possesso degli operatori di polizia e può essere sempre compilata al momento del controllo.

Spostamenti tra regioni. “il divieto per tutte le persone fìsiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute» ed è in ogni caso consentito «il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza» ma una «volta che si sia fatto rientro, non saranno più consentiti spostamenti al di fuori dei confini della regione in cui ci si trova, qualora non ricorra uno dei motivi legittimi di spostamento sopra indicati”.

L’ obbligo delle mascherine. sarà obbligatorio l’uso di dpi “nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza”.
Non sono obbligati a indossare le mascherine “i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti”.

Scaricala qui l’autocertificazione aggiornata al 4 maggio 2020

facebook
3.305