Bearzi

AUTONOMIE LOCALI: CAL DA' PARERE POSITIVO SU MANOVRA FINAZIARIA 2016

Udine, 17 giu – Il Consiglio delle Autonomie Locali (Cal)
nella seduta odierna nella sede della Regione Friuli Venezia
Giulia, a Udine, ha approvato l’intesa sullo schema di disegno di
legge di assestamento del bilancio per il 2016 sui trasferimenti
finanziari agli Enti locali con 12 voti favorevoli e 6 astenuti.

Sul punto sono state ricordate dall’assessore regionale alle
Autonomie locali Paolo Panontin, le quote assegnate al settore di
27 milioni fra i quali 5,5 milioni destinati a rimpinguare il
fondo volano e 19,5 invece per il fondo investimenti ordinario
delle Uti. Nel corso dell’assemblea alcuni Comuni hanno
evidenziato la necessità di disporre di ulteriori risorse.
L’assessore ha fatto presente la possibilità di utilizzare per la
parte corrente due milioni di euro dei 27 stanziati, lasciando
all’autodeterminazione dei Comuni la scelta sulla distribuzione
del perequativo fra coprire i maggiori oneri contrattuali per il
2016, partita che interessa tutti i Comuni, o attenuare la
portata dell’extagettito Imu.

Parere positivo con 12 favorevoli, 5 astenuti e un voto contrario
anche sullo schema di ddl per l’assestamento di bilancio 2016 e
per gli anni 2016-2018. La manovra è stata illustrata
dall’assessore regionale alle Finanze Francesco Peroni che ha
rimarcato l’importo significativo e le caratteristiche. Peroni ha
ricordato l’adozione di una metodica ancorata ai nuovi principi
di pareggio che sono in arrivo e che obbligano a programmare in
un’unica fase senza far conto di aggiustamenti con gli
assestamenti. Ha precisato, inoltre, che gli investimenti ora
devono essere individuati con attenzione e devono riguardare
quelli corrispondenti ad iniziative impegnabili entro fine anno,
ovvero quelle per cui il procedimento di gara deve concludersi
entro il 31 dicembre 2016.

Nel corso della seduta il sindaco di Tarvisio, Renato Carlantoni,
ha richiamato la fase di intensa trattativa in corso sulla
riforma degli enti locali ed ha fatto un’apertura di credito,
accompagnata da un voto di astensione sulla manovra, proprio in
vista dell’ulteriore tavolo di confronto anche con l’Anci FVG,
previsto per la prossima settimana, volto a “dimostrare
reciprocamente la volontà di trovare una soluzione” che metta
fine alla stagione dei ricorsi.

Con 16 favorevoli e un astenuto, il Cal ha dato parere positivo
anche sulla deliberazione della Giunta regionale “Lr 27/2014,
art. 14, comma 18, Patto di stabilità interno Enti locali del FVG
– Anno 2015. Sistema premiale e sanzionatorio per utilizzo spazi
finanziari regionali, esercizio 2015. Integrazione dgr 176/2016.
Approvazione preliminare”. Panontin ha indicato come nella
delibera vengono integrati i casi di non applicabilità delle
penali agli Enti. La prolungata assenza del responsabile del
servizio finanziario è stata considerata come ulteriore
situazione di natura eccezionale da inserire nei casi in cui le
penalità nei confronti deli enti che non hanno utilizzato gli
spazi finanziari non debbano essere applicate. E’ stato
evidenziato, infatti, che molti enti locali della Regione, nel
corso dell’anno 2015, sono rimasti privi, per cause non
imputabili agli enti medesimi, della figura del Responsabile del
Servizio finanziario e nel contempo è stato evidenziato che
l’adozione dei nuovi principi contabili e dei nuovi schemi di
bilancio della contabilità armonizzata ha comportato e sta
comportando un’attività di particolare rilevanza ed impegno anche
organizzativo in capo agli enti locali che si affianca agli
ordinari adempimenti di gestione.

E’ stato espresso parere favorevole anche sulle delibere
dell’esecutivo regionale sul regolamento di modifica al
regolamento sui criteri e le modalità di ripartizione del fondo
per l’abbattimento delle rette a carico delle famiglie per la
frequenza ai servizi educativi per la prima infanzia e le
modalità di erogazione dei benefici e sul regolamento di modifica
al regolamento recante criteri e modalità per l’attuazione degli
interventi a favore dei terreni incolti o abbandonati,
illustrato dall’assessore regionale Cristiano Shaurli.

Sono stati, inoltre, designati i tre rappresentanti degli Enti
locali per ciascuno dei tre tavoli di partenariato Por Fesr
2014-2020, azione 2.2, aree territoriali colpite da crisi
diffusa: Giuseppe Gaiarin, Lucio Zamò e Serena Francovich e i tre
rappresentanti, sempre degli Enti locali, nella Consulta
regionale per l’integrazione delle persone straniere immigrate:
Igor Alzetta, Bou Konate e Antonella Nonino. Riccardo Falcon del
comune di Roveredo in Piano è stato, invece, nominato nel
Comitato tecnico per gli adempimenti connessi alle procedure di
riequilibrio finanziario pluriennale.
ARC/LP/ppd

Powered by WPeMatico

facebook
402