telegram

Avostanis – dedica a Ferigo – 9 ago

Giorgio Ferigo, nato a Comeglians l’8 agosto 1949, ieri avrebbe compiuto 60 anni. Per questa circostanza i suoi amici ed estimatori, attraverso l’associazione che ne tiene vivo il patrimonio culturale, hanno messo in cantiere una serie di iniziative finalizzate a rimettere in gioco creativamente la sua produzione musicale. Con il mega-concerto che si terrà oggi (domenica 9 agosto) nell’aia dell’agriturismo Ai Colonos di Villacaccia nell’ambito di Avostanis, si avvia un ricco percorso musicale che avrà una successiva tappa il 20 agosto a Comeglians, con il coinvolgimento complessivo di una ventina di protagonisti vecchi e nuovi della scena musicale friulana invitati a reintepreterare in libertà le canzoni di Ferigo, per concludersi infine con la pubblicazione in cd.

“La sua indagine poetica e musicale – racconta Toni Zogno, componente storico del Povolar Ensemble e grandi amico di Ferigo – ha aperto gli occhi su lacerazioni, costumi, contraddizioni, sogni di una piccolissima comunità – la Carnia – ricca di storia e di tradizioni antiche. Lo ha fatto utilizzando una lingua, il ladino, arcaica e musicale, e le canzonette che “… a no son poesias – ven a stai, a no son rôbas da lei o da dî; a son tocs da sunâ e cjantâ o da scoltâ.”

L’operazione di Giorgio – aggiunge – è stata esemplare: un modo originale di riappropriarsi delle proprie radici, per capire il proprio presente, combattendo smemoratezze, manipolazioni, menzogne di una borghesia onnivora e ciarlatana, che della cultura e della musica popolare si è appropriata per espropriarle e restituirle monche e senza tensioni. Giorgio ha saputo utilizzare con intelligenza, ironia ed efficacia lo strumento della canzone d’autore, aprendo le porte – per primo in Friuli – alle influenze musicali e ai contenuti che negli anni ’60 e ’70 cominciavano ad arrivare dai cantautori francesi e italiani”.

Al concerto che si terrà oggi a Villacaccia a partire dalle ore 19, grazie all’impegno dell’associazione culturale Giorgio Ferigo in collaborazione con l’associazione culturale Colonos, parteciperanno i seguenti gruppi: Arbe Garbe (Jerbata), Bakan (Romancillo da l’amôr galup), Cuinon (Lienda de la contessa Priola), DJ Tubet (Dal pruc), La Stravinte (Da chest paîs forest), Morpheus & Mattia Del Moro (Ventura di Mille-Mieli), The Charlestones (Un sabida di sera), Vanilla Resident & Sara Rainis (Un soldatin).

L’ingresso è libero

329