Bearzi

Badante accusata per circonvenzione incapace, sottrazione di 700mila euro e distruzione cadavere

Una badante infedele, già indagata per circonvenzione di incapace e auto-riciclaggio, dopo aver sottratto 700 mila euro alla sua assistita, è stata ora indagata anche per distruzione di cadavere. E per favoreggiamento risultano indagati anche il rappresentante di una ditta di pompe funebri e il direttore di un ufficio postale.

Si tratta degli sviluppi delle indagini svolte dalla Guardia di Finanza di Pordenone nei confronti dell’assistente familiare di una donna novantunenne (deceduta a fine 2017) e del figlio disabile, entrambi affetti da varie patologie mediche e psicologicamente fragili, ai quali, secondo le Fiamme Gialle, dopo aver guadagnato la fiducia e la familiarità, ha sottratto l’enorme cifra di denaro.

La badante con i soldi ha acquistato gioielli, un’auto, ha sottoscritto titoli e polizze assicurative.

Gli ulteriori dubbi delle Fiamme Gialle sono sorti quando l’attività investigativa ha cercato di chiarire le reali cause della morte della 91enne: il giorno del decesso, avvenuto alla sola presenza della badante, quest’ultima non aveva avvisato alcun familiare, provvedendo autonomamente a disporre, nel giro di poche ore, la cremazione, e così precludendo la possibilità di svolgere esami autoptici sulla salma.

facebook
637