Ballottaggio: il centrosinistra cerca il gol della bandiera

elezioni.jpgL’ex rettore Furio Honsell (44,23% al primo turno) per il Centrosinistra contro il commercialista Enzo Cainero (39,59%) per il Centrodestra: è questa la sfida per la carica di sindaco di Udine nel ballottaggio di domani e lunedì 28 aprile.Entrambi i contendenti non hanno sottoscritto apparentamenti con i candidati sindaco del primo turno. Entrambi hanno preferito non snaturare le rispettive coalizioni anche se nelle ultime due settimane di campagna elettorale non sono mancati i contatti e gli approcci, da una parte e dall’altra, per accaparrarsi soprattutto i voti del ‘terzo incomodò nella corsa per palazzo D’Aronco, l’avvocato Giovanni Ortis, che al primo turno ha avuto il 7,31% dei consensi. Non sono mancati i colpi bassi e gli interventi ‘a gamba tesà. I primi sono stati portati dai parlamentari del Centrodestra Giovanni Collino e Ferruccio Saro che hanno contestato i bilanci dell’Università di Udine della quale Honsell è stato rettore per due mandati. L’intervento ‘a gamba tesà è stato quello del presidente dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, che ha invitato gli sportivi udinesi, anche via Sms, a votare per Honsell «perchè di Cainero – ha detto – non mi fido». Se Ortis non si è schierato, lasciando libertà di voto ai suoi sostenitori, gli altri candidati alla carica di sindaco hanno fatto appelli pro-Cainero. Solo Diego Volpe Pasini (4,86% al primo turno) ha invitato i suoi a votare per Honsell. «Come sindaco di Udine è meglio di Cainero».
Quella tra Honsell e Cainero sarà anche l’occasione per la rivincita del Centrosinistra che in Friuli Venezia Giulia ha
perso la Regione – Renzo Tondo ha infatti battuto l’imprenditore del caffè Riccardo Illy – e non è riuscito a conquistare la
provincia di Udine, andata al leghsita Pietro Fontanini, dopo la crisi della giunta di Centrodestra guidata da Marzio Strassoldo revocato dalla sua stessa maggioranza.

Lascia un commento

571