Bearzi

Ballottaggio primarie: la sfida in tv. Dove seguire in diretta su Rai, Mediaset La7, Sky

CORRIERE: collegati qui con la diretta video

RAI – Su Rai2, dalle 21 alle 22.30, Speciale Tg2 Primarie Centrosinistra. Su Rai3 loSpeciale Tg3 Ballottaggi Centrosinistra a partire dalle 23.30 alle 1. L’edizione serale della TgR andrà in onda nel corso del programma alle 24.15 circa. Rai News seguirà in diretta le operazioni di spoglio del voto nel corso della serata. Anche per i ballottaggi l’istituto Piepoli realizzerà un sondaggio con lo stesso impianto metodologico utilizzato nel primo turno delle consultazioni primarie del centrosinistra.

MEDIASET – Per seguire il ballottaggio tra Matteo Renzi e Pier Luigi Bersani, Tgcom24 andrà in onda con lo speciale ‘Bersani e Renzi, duello finale‘, condotto da Federico Novella, dalle 20 fino a mezzanotte. Il ballottaggio sarà seguito, monitorato e commentato in tempo reale insieme agli ospiti in studio, a Roma e a Milano, con collegamenti in diretta con la sede nazionale del Pd e con le sedi delle principali città.

LA7 – In onda, con Nicola Porro e Luca Telese, seguirà in diretta i primi risultati commentandoli con i giornalisti Concita De Gregorio di Repubblica e Giuseppe Cruciani, conduttore de La Zanzara su Radio 24. Alle 21.30 Speciale Tg La7 diretto da Enrico Mentana. Ospiti in studio: Bruno Manfellotto, direttore de L’Espresso, Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, Lucia Annunziata direttrice dell’Huffington Post, Massimo Giannini, vice direttore di Repubblica, Aldo Cazzullo del Corriere della sera, Marcello Sorgi, editorialista de La Stampa, Giulia Innocenzi e Stefano Cappellini de Il Messaggero.

SKY – SkyTg24 seguirà in diretta il ballottaggio con interviste, servizi, ospiti e collegamenti dai seggi più significativi. A partire dalle 20 uno speciale dal titolo ‘Primarie del centrosinistra, csxlafinale‘ accompagnerà il telespettatore fino a conoscere il risultato definitivo.
Tanti gli ospiti di Gianluca Semprini, da Rosy Bindi a Raffaele Bonanni, da Ignazio Marino a Laura Puppato, da Daniela Santanchè a Nichi Vendola. Con Massimo Leoni e Marco Di Fonzo una prima analisi delle conseguenze politiche del voto.
Nel corso della serata saranno numerosi i collegamenti con i comitati dei candidati per commenti a caldo da parte dei candidati e dei loro sostenitori.

 

—–

 

TOSCANA, 275 MILA VOTANTI ALLE 17.30 (-8,4%) 
Alle 17.30 in Toscana 275 mila cittadini avevano votato per il ballottaggio delle primarie del centrosinistra: secondo quanto reso noto dal Pd regionale, il dato fa segnare una flessione dell’8,4% rispetto ai 300 mila votanti di domenica scorsa per il primo turno.

COMITATO RENZI: IN TOSCANA
CASI GRAVISSIMI 

In Toscana si stanno verificando «casi gravissimi». Lo ha detto Nicola Danti, responsabile dei comitati Renzi nella regione: «Dall’apertura dei seggi fino ad ora persistono in Toscana casi gravissimi, che mettono a rischio la validità del voto in numerosissimi seggi. Chiediamo al coordinamento toscano delle primarie di intervenire immediatamente per ripristinare condizioni minime di legalità in tutta la regione». «In molti seggi fiorentini – ha spiegato Danti – mancano i registri del primo turno, nel Comune di Fivizzano sono stati impropriamente trattenuti i cedolini del 25 novembre e consegnati nuovi oggi, a Grosseto vengono segnalati numerosi casi di doppi elenchi. Per ora denunciamo una situazione intollerabile di disorganizzazione, speriamo – conclude Danti – che non si tratti di altro».

EMILIA ROMAGNA: 328.243 VOTANTI ALLE 17
IL 92% SUL PRIMO TURNO

Tiene anche alle 17 l’affluenza al ballottaggio delle primarie del centrosinistra in Emilia-Romagna. Ha votato infatti il 92% rispetto alla stessa ora di una settimana fa: 328.243 sui 356.832 del primo turno. Nessuna segnalazione di problemi o code, se non qualche isolata persona che si è presentata a votare nonostante non fosse registrata.

A FIRENZE ATTESE PIÙ BREVI AI SEGGI
PER RENZIANI AFFLUENZA IN CALO

Dopo qualche problema di stamani, soprattutto a Firenze dove in alcuni seggi non erano arrivati i registri, la situazione migliora in tutta la Toscana: ai seggi ci sono gli elettori ma non ci sono lunghe code come domenica scorsa. Dati ufficiali ancora non ci sono, ma il Comitato di Renzi parla di un calo tra il 10 e il 20%. Secondo il coordinatore della campagna del sindaco, Matteo Reggi, questo «potrebbe favorire» proprio Renzi. Nicola Danti assicura che dai renziani «non ci saranno ricorsi e questa sera il centrosinistra avrà il suo candidato a Premier». Il segretario metropolitano del Pd fiorentino, Patrizio Mecacci, ha presentato una denuncia contro la ditta che doveva digitalizzare gli elenchi dei votanti e che, spiega il Pd, ha presentato un lavoro incompleto. A Pistoia escluso un prete.

GROSSETO, ESCLUSI SEI DI CENTRODESTRA 
A Massa Marittima (Grosseto) depennate dalle liste elettorali sei persone con ruoli politici e amministrativi chiaramente riconducibili al Centrodestra. Lo spiega il coordinamento provinciale di Grosseto di Italia bene comune, chiarendo anche che «a Follonica tutto si svolge regolarmente: non è vero che in mattinata avevano votato 400 persone in più che al primo turno». Si riferisce a una notizia apparsa su Facebook che parlava di «un non meglio identificato seggio di Follonica avrebbero votato 400 persone in più rispetto al primo turno, lasciando sottintendere che ci fosse qualcosa di poco trasparente».


PRIMARIE CS: 2,3MLN VOTANTI
ALLE 17:30; LIEVE CALO

«Alle ore 17.30 di oggi hanno votato 2.300.000 elettori del centrosinistra. Alla stessa ora di domenica 25 novembre avevano votato 2.450.000 elettori». Lo comunica l’Ufficio stampa delle primarie del centrosinistra.

DANTI (COM.RENZI), CHE FINE
HANNO FATTO 4 MLN SCHEDE?

«C’è un tema che abbiamo sottolineato. In Italia sono state stampate 4 milioni di schede». Lo ha detto Nicola Danti, coordinatore toscano del comitato Matteo Renzi. Ai giornalisti che gli chiedevano che fine avessero fatto, Danti ha risposto: «Noi ci stiamo chiedendo questo, perchè sappiamo che ieri il Pd e il centrosinistra hanno rimandato a casa, senza nemmeno prenderle in considerazione 120-130mila domande di persone che avevano espresso il desiderio di votare. Ne hanno accolte pochissime».

COORDINAMENTO, VERIFICHE
SU SEGNALAZIONI COM. RENZI 

In un quadro generale di «regolare svolgimento» delle operazioni di voto in tutta Italia, «dal comitato Renzi sono pervenute al coordinamento nazionale una decina di segnalazioni su alcuni casi specifici, sui quali il coordinamento ha avviato le opportune verifiche al fine di assicurare la regolare continuità del voto». Lo riferisce una nota dell’ufficio stampa delle primarie del centrosinistra Italia.BeneComune.

CASINI, RENZI COME BERLUSCONI,
PROMETTE FAVOLE

«Renzi parla di inciucio, mutua un termine prettamente berlusconiano e probabilmente non ha letto la costituzione e non sa che le alleanze» sono perfettamente legittime e anzi quasi inevitabili». Lo afferma Pier Ferdinando Casini, intervistato a ‘l’Arena’ durante ‘Domenica In’. «Qualcuno dice ‘son ragazzi’» e «anche io alla sua età facevo così». Però, ha aggiunto il leader Udc, «quando Renzi dice che darà 100 euro a famiglia se va al governo, per un costo totale di 20 miliardi, prende in giro gli italiani» e fa le stesse «promesse» che faceva Berlusconi. La gente, ha concluso Casini, non ne può più di queste «favole».

COMITATO RENZI: NIENTE POLEMICHE,
PRENDEREMO ATTO RISULTATI

«Vorremmo evitare oggi di fare polemiche sulle regole: stasera prenderemo atto dei risultati». Lo afferma Nicola Danti, responsabile dei comitati Renzi in Toscana, in merito al ballottaggio delle primarie del centrosinistra.

PRIMARIE, COMITATO RENZI:
ANCORA POSSIBILITÀ SIGNIFICATIVA VITTORIA

«Pensiamo che stasera, rispetto al 36% ottenuto nel primo turno, potremmo ottenere un risultato migliore e c’è ancora la possibilità significativa di vincere queste primarie». Lo afferma Nicola Danti, responsabile dei comitati Renzi in Toscana.

COMITATO RENZI: NO RICORSI,
MA DIFFICOLTÀ VOTO
 

«Non esistono ricorsi. Stasera il centrosinistra avrà suo il candidato premier, che sarà stato eletto. C’è da fare una riflessione sulle regole che abbiamo messo in campo, che sono nate in una determinata materia, si sono evolute e hanno portato sicuramente a delle oggettive difficoltà per l’espletamento del voto e del procedimento elettorale». Lo afferma Nicola Danti, responsabile dei comitati Renzi in Toscana.

REGGI, CALO AFFLUENZA
CI PUÒ FAVORIRE

«Renzi ha annullato la partita di calcetto per riaprire la partita per candidarci alla guida del Paese. Il calo dell’affluenza ci può favorire» È quanto affermato in diretta a Tgcom24 da Roberto Reggi, coordinatore della campagna elettorale di Matteo Renzi. A proposito dei problemi registrati nel corso della giornata Reggi, secondo la nota diffusa da Tgcom24, aggiunge: «Ci sono stati alcuni problemi in giro e la mancata registrazione ha creato qualche disguido in alcuni seggi. Ci sono meno elettori e questo trend si sta confermando dappertutto».

BERSANI:SARÀ UNA GIORNATA
DI FESTA PER LA DEMOCRAZIA 

«Oggi sarà una giornata di festa per la democrazia. Grazie a tutti i volontari che la stanno rendendo possibile». Lo scrive il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, su twitter.

RENZI: MIGLIAIA NON POSSONO VOTARE, E’ PAZZESCO

«È pazzesco che 10 mila persone non possono votare qui a Firenze». Così, secondo quanto riferito all’Adnkronos, si è espresso il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, parlando con due elettrici mentre si trovava in fila per votare al seggio allestito in piazza dei Ciompi. Nel capoluogo toscano, infatti, sono state 10 mila le domande di nuova registrazione per partecipare al ballottaggio, ma di queste ne sono state accettate soltanto 10. In mattinata oltre 50 persone che si erano presentate in due seggi fiorentini per votare, mostrando l’e-mail di richiesta al sito www.domenicavoto.it, sono state respinte.

(fonte: Unità.it)

facebook

Lascia un commento

387