Bearzi

lottomatica.jpgTutto come da copione a Roma. La Snaidero tiene un quarto, prende un primo parziale, recupera, si riporta a un paio di possessi di distanza e poi crolla a metà dell’ultima frazione. Agli arancione manca il sacro fuoco di chi deve salvarsi e, soprattutto, manca l’apporto di due degli uomini più attesi: Allen e Romero.Decisamente negative le loro prove. Dall’altra parte è proprio l’asse play-pivot (Jaaber-Brezec) a punire la Snaidero. Nel turnover degli extracomunitari coach Meo lascia in borghese Forte e si affida ad Anderson che lo ripaga con una buona prova (20 punti, anche se il 2/6 ai liberi, frutto di un doppio 1/3, grida vendetta). Bene Lorenzo D’Ercole e partita volitiva di Di Giuliomaria, forse il miglior udinese in campo. Nella lotta per la salvezza, perdono al fotofinish sia Ferrara (Udine deve ringraziare Hollis Price, autore della tripla del definitivo sorpasso milanese negli ultimi secondi) sia Caserta, mentre Rieti era caduta a Treviso ieri sera. Biella domina Montegranaro e si mette virtualmente in salvo. Da domenica prossima si fa davvero sul serio ed è vietato sbagliare. CronacaInizia bene Udine con una tripla di Anderson e una di D’Ercole. Fa ancora meglio Roma che mette in moto tutto il suo attacco mandando a canestro Gigli, Hutson, De La Fuente e Douglas. 11-8 in poco più di 3 minuti. Partita a ritmi elevatissimi nella quale la Snaidero ogni tanto va fuori giri permettendo a Roma di segnare qualche canestro in contropiede. Di Giulio è molto attivo (5 punti, 3/4 ai liberi e 4 falli subiti). Una tripla di Torres e un bel canestro di D’Ercole mettono avanti Udine (16-15). Time-out Gentile. Dopo un canestro di Romero, Brezec trova un 2+1 per il pareggio a quota 18. Parità subito rotta da una tripla di Anderson. Brezec e Datome rispondono immediatamente per il 22-21 che chiude il quarto.In apertura di seconda frazione Anderson pesca Di Giulio. Fallo e 0/2 ai liberi. Dall’altra parte 2° fallo di Antonutti, subito rimandato in panchina. Musso dentro al suo posto. Il primo canestro del quarto è di Becirovic, dopo un errore inconsueto di Allen da sotto. Anderson fa 1/3 ai liberi dopo aver subito fallo da Datome, mentre Brezec segna il suo 10° punto dalla terra dell’abbondanza. Ancora una volta è bravo Torres a ricucire con una tripla. 27-25 Roma. La Lottomatica potrebbe provare l’allungo ma butta 3 tiri liberi su 6. Due errori da fuori di Udine vengono però capitalizzati da Roma che prende il primo vantaggio consistente 32-25, che diventa 35-25 grazie ad una schiacciata di Gigli. Time out Sacchetti. La Snaidero arranca e subisce anche un alley-oop sull’asse Hutson-Jaaber, ma è bravo D’Ercole a piazzare la sua seconda tripla della serata. Due liberi e un canestro in acrobazia di Allen riportano Udine a -4. Anderson commette il suo 3° fallo e si va a sedere. Stessa sorte tocca a Di Giulio. Due liberi di Jaaber e un canestro di Becirovic sanciscono il +9 di Roma. 42-33. La Snaidero è ancora in partita, nonostante le prestazioni sotto il par di Allen e Romero.Brezec riprende da dove aveva iniziato e ridona la doppia cifra di vantaggio ai capitolini. Un 2/2 dalla lunetta (è il secondo della partita) del Capitano rimette le cose a posto. In difesa Udine si mette a zona 2-3 che viene subito punita dalla tripla di Datome. Ma Anderson gli restituisce la pariglia. Dopo un canestro di Jaaber, ancora protagonista Di Giulio con una tripla. 5 punti in fila di Jaaber portano la Lottomatica sul +13. La Snaidero trova due triple di Anderson e D’Ercole per il -7, che diventa -3 con un 2/2 di Pepito e un 1/3 di Anderson ai liberi (56-51). Due triple di un immenso Jaaber riportano Roma avanti di 10. La Snaidero è viva e con due affondate di Anderson e Romero si riporta a -6, ma sulla sirena Douglas mette il canestro della disperazione. 65-56.L’ultima frazione inizia con Buskevics in campo per Allen. Anderson mette il consueto canestro cadendo indietro. Meno bella, ma vale sempre due, la risposta di De La Fuente. Romero sbaglia da sotto e si fa fischiare un fallo tecnico per proteste. Da chi? Da Facchini, of course. Due liberi di Douglas e due canestri da fuori di Jennings ridanno un cuscino di 15 punti alla Lottomatica. La Snaidero rientra ancora a -9 con un paio di canestri di Buska, ma manca una serie di opportunità dalla distanza per avvicinarsi ancora. A 2’15” Udine è ancora viva, ma prima De La Fuente e poi Jaaber chiudono, di fatto, la contesa, nonostante Di Giulio continui strenuamente a provarci. Il finale è 83-70.Fulvio Floreani

facebook

Lascia un commento

477