BBC NEWS scrive un’articolo sulla situazione migranti a Udine

bbc-news-udine
La televisione inglese BBC oggi ha pubblicato un servizio a cura di Bethany Bell sulla situazione migranti a Udine. Un giornalista ha seguito due migranti dall’Austria fino ad arrivare a Udine. Nel pezzo sono presenti alcune testimonianze del Sincaco di Udine e del Prefetto, oltre alla voce dell’associazione Ospiti in Arrivo e di alcuni migranti. Vi proponiamo di seguito l’articolo

Qui potete leggere l’articolo originale della BBC NEWS

“Fin dall’inizio del mese di gennaio 2016, sono stati circa 5.000 i migranti provenienti dall’Austria in Italia, a Udine,” ha dichiarato Udine prefetto Vittorio Zappalorto.
“Per lo più vengono qui perché la loro domanda di asilo non è accettato in altri paesi. Il 90% dprovengono dal Pakistano dall’Afghanistan. La stragrande maggioranza sono giovani.

Udine, città di 100.000 persone, ha lottato per far fronte al flusso di nuovi arrivi. Due anni fa, molti di loro hanno dovuto dormire all’aperto.

Il racconto del giornalista

Oggi Udine ha istituito ricoveri in appartamenti e in due vecchie caserme, in cui i richiedenti asilo mangiano e dormono. Uno di questi alloggi è la Caserma Friuli, dove ho incontrato Salaam, un afgano di 25 anni. Egli ha detto che nel 2009 ha vissuto in Gran Bretagna, ma è stato rimandato in Afghanistan. Nel mese di maggio, è arrivato a Udine, per via dei Balcani occidentali.
Quando gli ho chiesto perché non avesse presentato domanda di asilo in Austria o altrove ha detto che aveva sentito dire che in Italia “ti danno i documenti”.

bbc-migranti
Il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha detto che molti migranti sembrano essere venuta qui come ultima risorsa.
“La gente viene qui perché pensano che in Italia ci sia una possibilità”, ha detto.
“È possibile ottenere l’asilo o 2una protezione temporanea o protezione umanitaria2, e gli permette probabilmente di andare in altri paesi dove possono ottenere un posto di lavoro.
“La situazione è caotica. Queste persone cercando di costruirsi una vita”.

Honsell dice che non c’è molto lavoro per i migranti a Udine, che è nella morsa di una recessione.
Molti trascorrono le loro giornate nella città, utilizzando il wi-fi gratuito.
“Non fanno nulla,” un uomo mi ha raccontato. “Non hanno rispetto per noi. Non è vero che tutti provengono da paesi in guerra. Ci sono persone che non dovrebbe essere qui.”

Un’associazione di volontariato, Ospiti in Arrivo, sta cercando di colmare il divario, offrendo lezioni di italiano gratuito.
Uno dei loro studenti, Hassan dal Pakistan, mi ha detto che anche se “il tenore di vita non è molto buono”, l’Italia è l’unico paese dell’Unione europea che “offre un futuro, perché dopo due o tre anni vengono dati i documenti”.

Ma sopravvivere al lungo processo di attesa non è facile – e non cè certezza di ottenere i documenti.
I Volontari di Ospiti in Arrivo controllano regolarmente la stazione ferroviaria di Udine e i suoi parchi per aiutare i migranti che cercano di entrare nel sistema di asilo o che sono stati allontanati.
In un parco, abbiamo incontrato Abdullah dall’Afghanistan. Ci ha detto che li ci aveva dormito per un mese, perché aveva perso il suo documento e che gli era stato negato il rientro in un centro locale perché era andato a Milano per un paio di mesi.
I volontari gli hanno dato il tè, biscotti e una coperta e gli hanno consigliato di chiedere aiuto alla Caritas il giorno successivo.
“Non è facile vivere qui illegalmente,” Lisa, uno dei volontari mi ha raccontato. “Non so se la gente vuole veramente questo, dormire nei parchi e non avere un lavoro.
“Pensiamo che le persone stanno venendo qui a causa della guerra e della violenza. Stiamo facendo qualcosa di molto umano. Gli spieghiamo dove andare, dove mangiare e cerchiamo di dargli consigli. Non vogliamo che vivano nell’illegalità”

1.116