Beach Rugby a Lignano

La sabbia della Beach Arena di Lignano Sabbiadoro riceverà nuovamente i migliori giocatori di beach rugby europei e non solo. Appuntamento per il 19 e 20 Luglio! Nell’attesa gustatevi le foto del 2007Oltre ai leader incontrastati del Campionato Italiano, la Maccarese Roma, l’INTERNATIONAL BEACH RUGBY CUP avrà nuovamente ospiti gli agguerriti samoani determinati come non mai a conquistare la Coppa Internazionale persa in finale lo scorso anno contro una superlativa Maccarese. A tentare di disturbare i piani di battaglia, potrebbero quest’anno esserci due compagini che ogni anno hanno migliorato le loro prestazioni : i Cheky Strikers e il Team Link Galles. I cechi non sono più una sorpresa e preparano la trasferta italiana nelle migliori meniere per cercare di vincerla. Squadra veloce e spigolosa, non lascia mai spazio all’avversario portando una pressione difensiva che tende a far cadere in errore chi li fronteggia. I gallesi sono in fase di ristrutturazione e miglioramento. Già la scorsa estate sono arrivati tra le prime quattro formazioni, mentre quest’anno vorrebbero puntare al vertice per giocarsi la finalissima. Due invece le novità tra coloro che tenteranno di strappare lo scettro di regina della spiaggia alla Maccarese : gli scozzesi del Pink Socks e i francesi del Nimes. Il team del cardo scende sulla spiaggia di Lignano Sabbiadoro facendo rivivere gli emozionanti scontri del Sei Nazioni e della Coppa del Mondo. Saranno in molti a sostenere la rappresentativa italiana in questo match che rappresenta oramai lo scontro tra due realtà rugbystiche molto simili. I francesi invece saranno la novità assoluta a Lignano. Infatti è la prima volta che una squadra transalpina approda alla Beach Arena se si esclude sei anni fa la partecipazione dei Barbarians Francesi, ma erano una selezione mista con transalpini e tante altre nazionalità. Il Nimes porterà quella ventata di rugby champagne che si dovrà confrontare con quello italiano ma anche britannico e australe. In effetti oltre ai samoani non dimentichiamo che ritorneranno anche i neozelandesi alquanto determinati a farsi valere ricercando posizioni in classifica più alte di quelle sinora conquistate. Una di queste squadre senz’altro incontrerà i frencesi e sicuramente avremo dello spettacolo assicurato. Cambio della guardia invece dalla Germania. Al posto dei Cologne Cruaseders arrivano i campioni del beach rugby teutonico, The Romantics. Un nome dolce che stride con una squadra che ha vinto tutti i tornei in Germania in maniera autoritaria. Gli addetti ai lavori non ritengono potrà inserirsi nelle lotte ai vertici, ma ricordiamoci dell’esordio dei cechi che si piazzarono a sorpresa terzi nella loro prima apparizione lignanese. Ma tutte queste squadre dovranno fare i conti con la Maccarese Roma, squadra compatta e affiatata che da anni domina lo scenario nazionale e a Lignano è colei che ha conquistato più titoli. Silvio Salera, patron della squadra, non ha dubbi sul fatto che i suoi ragazzi conquisteranno nuovamente il titolo internazionale di Lignano in attesa che la manifestazione diventi finale europea. Ed in effetti sono in molti ad attendere questa nomina. Il primo fra tutti i fautori del movimento europeo di beach rugby che hanno dato vita ad comitato costituito da quindici nazioni europee, Cesare Zambelli – che lo presiede – e Giancarlo Stocco. “Eravamo intenzionati a portare la prima finale europea a Lignano già da quest’anno – commenta Stocco – ma non siamo riusciti a risolvere tutti i cavilli burocratici e altro con la F.I.R.A. l’ente sovrano del rugby europeo. Ovviamente oltre alla delusione per la mancata occasione persa, siamo già al lavoro per cercare di organizzarla nel 2009. Quest’anno Marsiglia votava a nostro favore contro gli olandesi di Ameland, per la prossima stagione i giochi saranno da rifare.” Più riflessivo Cesare Zambelli con un’ottica forse più ampia e politica. “Far accettare un nuovo movimento ai vertici politici del rugby europeo non è facile. Ci sono troppi fattori e interessi in gioco. In Italia siamo più avvantaggiati perchè Stocco ha creato una Lega Italiana Beach Rugby facendola riconoscere dalla F.I.R. e facendo riconoscere anche il regolamento del gioco. All’estero le situazioni non sono tutte omogenee. Non ci sono Leghe Nazionali che gestiscono il movimento e solo in alcuni casi i tornei sono gestiti dalla Federazione Nazionale. A parte in Francia che c’è lo scontro tra rugby placcato e toccato. Il lavoro sarà lungo ma senz’altro rivolto a far nascere un campionato europeo che dovrà vedere consacrata Lignano come prima sede di una finale internazionale. Per adesso riteniamoci soddisfatti di essere la manifestazione più importante e selettiva in Europa”. Il 19 e 20 luglio Lignano rivivrà le emozioni delle migliori squadre europee in campo, vibrerà sotto le danze di guerra dei neozelandesi e samoani, si unirà cantando l’inno di Mameli sostenendo la Maccarese a vincere l’INTERNATIONAL BEACH RUGBY CUP 2008.

facebook
2.095