Bitcoin ha corso legale in El Salvador: chi potrebbe essere il prossimo?

Il 7 settembre, El Salvador è diventato il primo paese al mondo a rendere il bitcoin a corso legale. Questo significa che altri paesi seguiranno l’esempio? E se sì, quali?

Perché El Salvador ha reso a corso legale bitcoin?

Uno dei motivi principali per rendere il bitcoin a corso legale è quello di rilanciare l’economia del paese. La speranza è che l’adozione anticipata incoraggi gli investimenti esteri.

In effetti, c’è così tanta speranza negli investitori stranieri che il governo lo sta incentivando. Chiunque al di fuori di El Salvador investe tre o più bitcoin nel paese riceverà la residenza.

La mossa dovrebbe anche aiutare i salvadoregni che lavorano all’estero a risparmiare denaro quando inviano denaro a casa. Allo stato attuale, i salvadoregni spendono circa 400 milioni di dollari (circa 340 milioni di euro) all’anno solo in commissioni bancarie.

Per aiutare a lanciare bitcoin come moneta a corso legale, il governo sta anche dando 30 dollari statunitensi (circa 25 euro) in bitcoin a chiunque si iscriva a Chivo, il portafoglio digitale nazionale.

Ma mentre il presidente di El Salvador ha abbracciato con entusiasmo la criptovaluta, alcuni sono un po’ più scettici. Sono emerse anche numerose proteste, con i salvadoregni preoccupati per la volatilità della valuta e l’impatto su coloro che non hanno accesso alla tecnologia.

Questo significa che il bitcoin sostituisce i contanti?

Fondamentale, no. La moneta a corso legale è un termine che può creare una certa confusione. Sebbene si riferisca al denaro, la moneta a corso legale si applica solo al regolamento dei debiti nei confronti dei creditori.

Ad esempio, nel Regno Unito, la sterlina è la valuta nazionale e ha corso legale riconosciuto. Puoi usarla per pagare debiti come fatture di carte di credito, mutui e prestiti.

Tecnicamente (ed ecco il bit di confusione) non deve essere accettato in cambio di beni e servizi. Il pagamento per questi è a discrezione del negozio o del fornitore di servizi. Quindi, se una stazione di servizio nel Regno Unito annunciasse che accetterebbe solo torte fatte in casa in cambio di carburante, sarebbe perfettamente ok.

Ovviamente, tutti coloro che volessero iniziare a investire in bitcoin proprio come sta facendo in questi mesi El Salvador, può farlo partendo dal Bitcoin Profit sito, che permette a tutti di iscriversi gratuitamente per acquistare e vendere criptovalute.

Naturalmente, in realtà, le banconote e le monete emesse dalla Bank of England sono riconosciute come pagamento ufficiale per i prodotti nel Regno Unito, indipendentemente da quale sia la definizione ufficiale di “corso legale”.

Tuttavia, in El Salvador, chiunque abbia redatto la legge sui bitcoin ha dimenticato cosa significhi effettivamente corso legale.

La loro legislazione, affermava che “ogni agente economico deve accettare bitcoin… da chiunque acquisisca un bene o un servizio”. Ciò ha suscitato preoccupazione, quindi il presidente ha successivamente chiarito in un tweet che le aziende non devono accettarlo come pagamento.

Quindi, chi altro potrebbe rendere il bitcoin a corso legale?

Ora che El Salvador ha stabilito un importante precedente, il fatto è che altri paesi delle Americhe potrebbero seguire l’esempio. Tra i tanti ci sono Paraguay, Panama, Messico e Venezuela. Più vicino a casa nostra, anche l’Ucraina sta mostrando interesse a rendere il bitcoin a corso legale.

Tuttavia, fino a qualsiasi annuncio ufficiale, i rapporti su altri paesi che adottano bitcoin (o in effetti qualsiasi altra criptovaluta) sono pura speculazione.

E il Regno Unito e l’UE? Bene, la Banca centrale europea (BCE) sta giocando con l’idea di un euro digitale che non è esattamente la stessa cosa di una criptovaluta. Allo stesso modo, la Banca d’Inghilterra ha anche istituito una task force per esaminare una sterlina digitale.

443