113 polizia
Si sta concludendo un’operazione della Questura di Trieste contro la prostituzione scattata a mezzanotte, su delega della Procura della Repubblica del capoluogo giuliano, che ha visto l’esecuzione di numerose perquisizioni di appartamenti e locande dove giovani ragazze straniere esercitavano la prostituzione. La Squadra mobile insieme all’Ufficio Immigrazione ha accompagnato negli uffici della Questura dieci giovani romene poco piu’ che ventenni da poco giunte a Trieste, subito inserite nel circuito della prostituzione nella zona del Borgo Teresiano.

Le ragazze verranno allontanate con provvedimento previsto dalla normativa sugli stranieri, che prevede la possibilita’ di mandare via dal territorio nazionale anche cittadini di Paesi comunitari, quando non dimostrino di possedere un adeguato e lecito reddito per vivere in Italia. Diversa la posizione di alcune cittadine colombiane che al controllo della Polizia sono risultate in possesso di permesso di soggiorno e residenti a Trieste, in quanto sposate con cittadini italiani. Nei loro confronti sono stati avviati gli accertamenti per verificare l’eventuale fittizia conclusione del matrimonio, si sospetta finalizzato a eludere la normativa sui cittadini extracomunitari.

Nel corso delle perquisizioni effettuate in alcuni appartamenti anche in provincia di Gorizia, sono stati individuati alcuni cittadini romeni sospettati di essere gli sfruttatori delle giovani connazionali. I romeni verranno allontanati dall’Italia con provvedimento del Prefetto di Trieste. Infine, gli investigatori hanno sequestrato alcune autovetture utilizzate per trasportare le ragazze.

Fonte: Adnkronos

Lascia un commento

579