Bluenergy vs Rovigno

bluenergy-rovigo-c-giornali.jpgIl sangue freddo è stato determinante per questa vittoria. La Bluenergy si è trovata un paio di volte avanti nel punteggio, anche ampiamente, 40-29, 48-38, ma non è stata capace di “uccidere” la partita anche avendone la possibilità,ha perciò dovuto subire la rimonta della squadra avversaria che ha saputo sfruttare l’esperienza dei suoi senatori per rimettere in gioco la gara.
I rovigini però non hanno tenuto conto della freddezza dei friulani che nei momenti determinanti, nonostante la giovane età, hanno saputo concludere positivamente a canestro. Con la palla in mano che scottava, Malfante non ci ha pensato due volte per tentare il tiro dai 6,25. Un tiro, fatto a 2’10” dalla conclusione, quando nessuno aveva la forza di tentare di infilare la palla nella retina, ma c’era lo spazio per il tentativo ed è stata premiato. Un forte colpo basso e il Rovigo non saputo più risollevarsi, anche perche messo alla frusta da una Bluenergy che per 40’ ha mantenuto un ritmo altissimo, una rotazione continua di giocatori e alla fine la gioia ed il premio di questa martellante e fruttuosa tattica. A Marco Malfante, il capitano, chiediamo le impressioni su questo combattuto anche se non bellissimo incontro:” I meccanismi del nostro attacco non sono ancora rodati a dovere, perciò per sopperire a queste carenze dobbiamo, innanzitutto, difendere alla morte per dare ai nostri avversari poche e difficili soluzioni a canestro, oggi ci è andata bene perche abbiamo chiuso le bocche di fuoco dei nostri avversari e da li siamo stati capaci di costruire la nostra vittoria”. – Ci racconti l’azione del canestro da tre punti che ha deciso la partita? – “Uno schema che aveva due soluzioni, la prima era quella di cercare il passaggio ad un mio compagno nell’area per un tentativo da sotto, la seconda il tiro dai 6,25 e visto che il mio avversario mi aveva lasciato uno spazio per il tiro, io l’ho tentato, mi è andata bene”. La differenza di potenziale tra le due squadre sono i rimbalzi, 43 catturati dalla Bluenergy contro i 27 del Rovigo. Nei tiri liberi mostrano un equilibrio: 17/22 ai liberi per la Bluenergy e 17/23 il Rovigo. Nei tiri totali ha primeggiato al squadra di casa 25/56 (45%) gli ospiti 20/55 (36%). Tra i singoli bravi Marco Chivillo 2/4 da due e 2/5 da tre, Andrea Campanotto 3/6 da due e 6/6 ai liberi, Marco Malfante 3/6 da due e 2/7 da tre e Luca Marella 7/11 da due e 6 rimbalzi. Gli altri giocatori Matteo Margarit 1/3 da due; Thomas Morassutto 1/1 da due; Andrea Schina 2/4 da due, 0/3 da tre e 7 rimbalzi, Marco Cristofori 1/2 da due e 0/3 da tre, Matteo Molent 0/3 da due e 4 rimbalzi. Domenica prossima derby contro la Virtus Udine.

Fonte: Livio

bluenergy-rovigo-c-giornali.jpg

bluenergy-rovigo-e-giornali.jpg

bluenergy-rovigo-h-giornali.jpg

bluenergy-rovigo-r-giornali.jpg

Lascia un commento

578