Bearzi

Braga-Udinese 1-1 – Guidolin “Al ritorno non basterà giocare così”

Braga 12 agosto 2012  – dai nostri inviati –

Soddisfatto per il risultato ma convinto che, per passare il turno, al ritorno si debba evitare di giocare come nel sofferto secondo tempo. Queste le parole di Francesco Guidolin al termine dell’incontro che ha visto l’Udinese pareggiare sul campo dello Sporting Braga  – qui cronaca e pagelle – 

Dopo che avete segnato avete tolto sicurezza allo Sporting, ma il secondo tempo non è stato all’altezza, giusto? Non siamo il Barcellona o il Real Madrid, che devono dominare in tutti i campi. La prestazione del secondo tempo non basterà per passare il turno. Il primo tempo è stato discreto, nel secondo abbiamo sbagliato una miriade di passaggi. Siamo sembrati più stanchi di quello che eravamo effettivamente.

Cinque ammoniti contro uno non le sembrano un po’ troppi? Non parlo mai di arbitri, come sapete.

Crede che le difficoltà della ripresa possano dipendere dal fatto che in mezzo sia cambiata tanta gente? Quello in cui credo è che dobbiamo fare meglio, conoscerci meglio ed avere una migliore condizione.

Il risultato le sembra buono in prospettiva ritorno? Sono contento del risultato, non si può negare, ma è ancora tutto in bilico per il ritorno. Il pareggio mi sembra il risultato più corretto, se dicessi che meritavamo di vincere sarei un bugiardo e mancherei di umiltà, ma non meritavamo nemmeno di perdere.

 

Brkic, uno dei protagonisti della partita è “soddisfatto della mia prestazione e anche del risultato. Di certo ci sono cose che possiamo e dobbiamo fare meglio. Nella ripresa eravamo troppo bassi; al ritorno dovremo fare qualcosa di più”

Pinzi, tornato nel ruolo di mezzala ha disputato un buon primo tempo poi nella ripresa è calato insieme a tutta la squadra “loro hanno un ottimo possesso pala e ci hanno messo in difficoltà facendoci correre molto, poi hanno trovato il gol con una prodezza imparabile. Avere fatto gol in trasferta è importante ma è un piccolo vantaggio

facebook

Lascia un commento

321