Bearzi

Cade per 60 metri sul Monte Volaia

La stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino e Speleologico sta effettuando due interventi contestuali per due persone ferite, una di queste è grave.Intorno alle 14.30 è arrivata prima una chiamata per una donna infortunatasi lungo la discesa dal Monte Avanza, con probabile frattura alla caviglia. Poco dopo un’altra chiamata ha segnalato la caduta per una sessantina di metri di un uomo sul Monte Volaia: è grave ma ancora in vita. L’elisoccorso della regione FVG è stato prima inviato verso l’Avanza e poi subito dirottato sull’incidente più grave sul Volaia. A soccorrere la donna sul Monte Avanza è stato inviato, essendo il velivolo del SUEM di Pieve di Cadore già impegnato, l’elicottero della Protezione Civile dalla base di Tolmezzo.

La donna infortunatasi ad un arto nella zona del Monte Avanza è del 1965 di Forni Avoltri. E’ stata recuperata dall’elicottero della Protezione Civile con a bordo i tecnici della stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino e Speleologico e condotta all’ospedale di Tolmezzo. La persona infortunatasi sul Monte Volaia è anch’essa una donna. Versa in gravi condizioni ed è ricoverata all’ospedale di Udine. Al momento dell’incidente era in escursione assieme al marito. La donna stava scendendo dalla cima del Monte Volaia e l’incidente è avvenuto ad una quota di circa 2200 metri. Ha perso aderenza scivolando e ruzzolando per un’ottantina di metri sulle rocce e sul brecciolino: si è fermata sul ciglio di un salto di rocce ulteriore. Per recuperarla è stato inviato l’elisoccorso regionale: sbarcata l’equipe medica sul posto con il verricello si è dovuto provvedere a creare degli ancoraggi sulla roccia con il trapano per assicurare sia il tecnico di elisoccorso che il medico e calarli con le corde fino al punto in cui si trovava la donna. Stabilizzata sul posto e imbarellata, l’escursionista è stata poi condotta a Collina dove attendeva l’ambulanza del 118 per ulteriore stabilizzazione e dopo un po’ di tempo riconsegna all’elicottero per correre all’ospedale.

facebook
1.255