Bearzi

Calcioscommesse in B: arrestato Beppe Signori. Coinvolto Sommese, era anche nel giro scommesse di Udine

calcio soldiTorna in Italia l’incubo calcioscommesse. Nella mattinata di oggi, 1 giugno 2011, sono state tratte in arresto 16 persone, fra cui alcuni anche calciatori, colpevoli di aver combinato dei risultati di serie B e di Lega Pro.

L’operazione è stata condotta dalla squadra mobile di Cremona che ha emesso sette ordinanze di custodia cautelare in carcere e nove arresti domiciliari. Secondo le prime indiscrezioni fra gli arretstai ci sarebbero anche dei giocatori con un passato di serie A

Gli arresti sono stati eseguiti dagli uomini della polizia a Bari, Como, Bologna, Rimini, Pescara, Ancona, Ascoli, Ravenna, Benevento, Roma, Torino, Napoli e Ferrara

C’é anche l’ex capitano della Lazio e attaccante della Nazionale, Beppe Signori, tra le persone arrestate dalla Polizia nell’ambito di un’inchiesta sul calcio scommesse. Lo apprende l’ANSA da fonti qualificate. Per Signori sarebbero stati disposti gli arresti domiciliari. I provvedimenti di arresto riguarderebbero anche alcuni giocatori di serie B e serie C e anche dirigenti di società di Lega Pro.

Arrestati anche il difensore dell’Ascoli ed ex Udinese Vittorio Micolucci, il centrocampista della stessa squadra Vincenzo Sommese (finiti ai domiciliari) e Gianfranco Parlato, ex giocatore di serie B e C, attualmente collaboratore del Viareggio calcio (che è in carcere). Nell’ambito dell’inchiesta su presunte partite truccate che ha portato a 16 arresti, risulta indagato anche Stefano Bettarini, ex marito della conduttrice tv Simona Ventura e commentatore della trasmissione di Rai 2 «Quelli che il calcio».

Vincenzo Sommese era stato indagato anche nell’ambito della vicenda delle scommesse che era partito da udine nel 2007 e che aveva portato fra gli altri alla squalifica anche di Di Michele oltre che di Sommese stesso

Nell’ambito dell’inchiesta su presunte partite truccate che ha portato a 16 arresti, risulta indagato anche Stefano Bettarini, ex marito di Simona Ventura e commentatore della trasmissione ‘Quelli che il calcio’.
C’é anche l’ex calciatore Mauro Bressan, 40 anni, tra i destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta della procura di Cremona sul calcio scommesse. L’ordinanza all’ex centrocampista di Fiorentina, Genoa, Venezia, Foggia, Bari, Cagliari e Como è stata notificata oggi nella sua abitazione di Cernobbio dalla squadra mobile comasca. Bressan ha vinto la coppa Italia del 2001 con la Fiorentina e ha poi concluso la sua carriera in Svizzera.
Gli uomini della Squadra Mobile di Benevento hanno arrestato in un albergo dela città, Marco Paoloni, di 27 anni, originario di Civitavecchia, portiere titolare del Benevento che sta disputando i play off per l’accesso in serie B. Dopo l’arresto, Paoloni è stato trasferito nel carcere di Cremona.

A proposito di Atalanta, il capitano Cristiano Doni è indagato per aver collaborato con l’organizzazione per far sì che la partita Atalanta-Piacenza del 19 marzo terminasse con almeno 3 gol e favorire così alcuni soggetti che avevano scommesso su questo risultato. Quel match si è concluso 3-0 per l’Atalanta.

Per condizionare i risultati degli incontri sarebbero stati dati dei calmanti ai calciatori, in modo che giocassero al di sotto delle loro possibilita’. E’ quanto emerso nell’indagine sul calcio scommesse che ha portato all’arresto di 16 tra ex giocatori, calciatori in attivita’, dirigenti di societa’ e liberi professionisti. I calmanti sarebbero stati messi nelle bibite a disposizione dei giocatori a loro insaputa. L’episodio si sarebbe verificato alla fine del campionato scorso della Lega Pro.

facebook

Lascia un commento

471