Bearzi

CASERME: SANTORO, VERSO VALORIZZAZIONE PER TOLMEZZO E CIVIDALE

Udine, 6 luglio – C’è un’intesa sul percorso per la valorizzazione delle Caserme Cantore di Tolmezzo e Francescatto di Cividale del Friuli. L’assessore regionale alle Infrastrutture e al Territorio del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro, assieme ai sindaci di Cividale del Friuli Stefano Balloch e di Tolmezzo Francesco Brollo, ha incontrato oggi a Roma, nella sede del Ministero della Difesa, il direttore della task force  per la Valorizzazione e dismissione degli immobili militari, il generale Antonio Caporotundo.

“A fronte del percorso generale e nazionale di razionalizzazione della Difesa, oggi siamo riusciti a invertire un fenomeno che nel passato ha portato al degrado di moltissimo patrimonio pubblico rappresentato dalle caserme abbandonate nella nostra regione”, ha spiegato Santoro al termine dell’incontro.

“Da parte nostra, assieme ai Comuni, è stata ribadita la necessità di accompagnare qualunque percorso di razionalizzazione della presenza a un contestuale progetto di riqualificazione e passaggio di proprietà delle caserme ai Comuni, che impedisca di lasciare all’interno dei centri abitati spazi vuoti e ampie aree inutilizzate così importanti e vitali per queste due città”, ha aggiunto l’assessore.

“Da parte del Ministero abbiamo vista accolta questa richiesta – ha reso noto Santoro – e avvieremo con i Comuni immediatamente il percorso che vedrà da un lato la Commissione Paritetica coinvolta per il passaggio dei beni e, dall’altro, la Regione e le Amministrazioni di Cividale del Friuli e Tolmezzo assieme, per il progetto di immediata valorizzazione e impiego di questi beni”.

Da parte dei sindaci è stata espressa soddisfazione per l’accoglimento dell’istanza territoriale volta a consentire una continuità di utilizzo di queste aree senza creare situazioni di abbandono o mancato presidio.

Parallelamente è stato affrontato anche il tema degli alloggi militari presenti in Friuli Venezia Giulia (1.157 in tutto), con la disponibilità da parte del Ministero in tempi brevi alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa per la permuta e l’utilizzo da parte della Regione di una parte consistente degli stessi al fine di destinarli all’Edilizia residenziale pubblica e dare risposta alle richieste abitative.

ARC/EP/com

Powered by WPeMatico

facebook
751