Bearzi

Caso vaccini: Telesca, abbiamo agito in maniera tempestiva e corretta

Trieste, 5 mag – “Sostenere che la Regione sia stata assente,
cercare di addossare all’amministrazione regionale responsabilità
che non ha e proprio non può avere è del tutto falso e, se
proviene da pubblici amministratori, è anche istituzionalmente
scorretto perché è solo un tentativo di cavalcare per motivi
esclusivamente politici un grave problema di salute pubblica. Si
è trattato di una caso unico e imprevedibile e il sistema
sanitario del Friuli Venezia Giulia si è attivato con
tempestività ed incisività. Peraltro adottando le stesse
procedure attuate a Treviso ed effettuando scelte del tutto
analoghe”.

Lo ha affermato questa sera a Codroipo, nella sede del Distretto
sanitario, l’assessore regionale alla salute, Maria Sandra
Telesca, nel corso di un incontro sul tema dell’assistente
sanitaria sospettata di aver finto di vaccinare diversi bambini e
sulle conseguenze di una vicenda che proprio oggi il ministro
alla salute Beatrice Lorenzin ha definito “folle”.

Ricordando che “entro 24 ore da quando abbiamo iniziato a
presentire irregolarità nelle vaccinazioni l’Azienda sanitaria di
competenza ha istituito una task force di professionisti ed
esperti”, Telesca ha ribadito che si sta facendo tutto quello che
serve: in maniera assolutamente seria, seguendo le procedure,
nell’interesse della salute dei bambini inconsapevolmente e
ingiustamente coinvolti e per dare la giusta risposta alle
legittime preoccupazioni dei genitori”.

Del resto – aggiunge – di fronte alla possibilità, avvalorata dai
controlli a campione, che migliaia di vaccinazioni non siano
state eseguite, l’unica strada è quella di sottoporre nuovamente
i bambini alle misure di prevenzione. E abbiamo già iniziato a
farlo”.

“Insinuare che qualcosa nel sistema abbia avuto delle falle in
termini di ipotetici mancati controlli, nel periodo in cui
l’operatrice sanitaria ha lavorato in Friuli – e dunque anche
quando a governare c’era una Giunta diversa – non fa un danno
alla Regione ma purtroppo porta inevitabilmente a scaricare
responsabilità sugli operatori di allora”.

“Ed ora i professionisti che fanno parte della task force hanno
adottato i provvedimenti più opportuni, in perfetta analogia con
quanto si sta facendo a Treviso”, ha concluso l’assessore
Telesca, rivolgendo un “caldo invito” ai sindaci e alle
amministrazioni locali a “collaborare su un tema così delicato:
diamo un bell’esempio di istituzioni che sanno trovare le giuste
risposte di fronte a situazioni così difficili”.
ARC/PPD/com

Powered by WPeMatico

facebook
638