Aperitivo a Grado

Cividale: Antonio Ligabue nel circuito ERT con Un bès – 19/29 gen 2016

facebook

Un bes-Antonio LigabuePer presentare Un bès -Antonio Ligabue, primo “movimento” di un progetto triennale, sarebbe sufficiente segnalare la conquista dei due premi più ambiti del teatro italiano: Premio Ubu come migliore attore protagonista a Mario Perrotta e Premio Hystrio come migliore spettacolo a giudizio del pubblico. Un bès – Antonio Ligabue ritorna nel circuito ERT, dopo le repliche della scorsa stagione, per due serate: martedì 19 gennaio al Teatro Adelaide Ristori di Cividale del Friuli (ore 21) e mercoledì 20 gennaio al Teatro Benois-De Cecco di Codroipo alle ore 20.45.

Un bès, come detto, è il primo stadio di un progetto che ruota intorno alla figura di Antonio Ligabue e al suo rapporto con i luoghi che segnarono la sua esistenza e la sua creazione artistica: la Svizzera, dove nacque e visse fino ai diciotto anni; il territorio di Gualtieri (RE), sulle rive del Po, e le sponde reggiane e mantovane dello stesso fiume, dove produsse gran parte dei suoi quadri e delle sue sculture. Dopo Un bès, dedicato al Ligabue uomo, Mario Perrotta darà vita ad altri due spettacoli: Svizzera e furore (il paesaggio interiore) e Antonio sul Po (Il paese e il fiume).

In Un bès Mario Perrotta dipinge un quadro che ha per protagonista l’uomo Ligabue, la sua solitudine, il suo stare al margine, là dove un bacio (quello del titolo) è un sogno, un’implorare senza risposte che dura da tutta una vita. “Mi attrae e mi spiazza – spiega l’attore salentino – la coscienza che Antonio aveva di essere un rifiuto dell’umanità e, al contempo, un artista, perché questo doppio sentire gli lacerava l’anima: l’artista sapeva di meritarlo un bacio, ma il pazzo intanto lo elemosinava. Voglio stare anch’io sul confine e guardare gli altri. E, sempre sul confine, chiedermi qual è dentro e qual è fuori”.

Maggiori informazioni chiamando il Teatro Ristori di Cividale (0432 731353) e il Teatro Benois-De Cecco di Codroipo (0432 908467) e consultando il sito www.ertfvg.it .

505