Come fare trading online con il Bitcoin

Fare trading con il Bitcoin comporta un’alta componente di rischio, soprattutto per chi non conosce a fondo il meccanismo di funzionamento della criptovaluta. Questo articolo intende fornirti alcune importanti conoscenze, oltre a rivelarti quali sono le piattaforme di trading più diffuse.

Ti dico subito che quelle che mi piacciono di più sono quelle che offrono la possibilità di fare una prova con soldi finti, perché le prime volte le probabilità di perdere sono alte. E quindi è meglio farlo con soldi finti. O no?

Iniziamo col dire che le piattaforme per il trading di criptovalute sono più complesse di quelle per il tradizionale trading azionario. Il Bitcoin è molto volatile e poi ha bisogno di strumenti derivati per essere scambiato. 

Le tradizionali compravendite di Bitcoin sono lente perché la transazione va inscritta nella blockchain e questo richiede diversi minuti. Il tempo però è prezioso per ogni trader visto che i prezzi hanno forti sbalzi di secondo in secondo. E quindi nell’arco di 10 minuti, il tempo necessario per registrare l’operazione sulla blockchain, potresti già aver perso o guadagnato il 5%.

Lo strumento adatto al trading sicuro di criptovalute sono i Cds, dei contratti per differenza che ti accreditano un guadagno (o una perdita) in base alla differenza di prezzo fra il momento di acquisto e di vendita del sottostante. Che nel nostro caso è il Bitcoin.

Informati sul il tuo bitcoin trader

Una cosa che devi sapere prima di iniziare a fare trading è a quanto ammontano le commissioni. Probabilmente sai già che quando acquisti azioni, ti vedrai addebitare una commissione dal broker. Questo è il modo in cui guadagnano i broker.

Ci sono modi per rendere il peso delle commissioni meno pesante. La strada principale è quella di selezionare attentamente il broker proprio in base ai costi. L’altra è ovviamente quella di fare il minor numero di operazioni possibile. Entrare o uscire continuamente dai Cds sul Bitcoin il più delle volte non è la migliore strategia perché porta solo a pagare molte commissioni.

Se hai anche bisogno di imparare come configurare il tuo account di trading ecco alcune regole. Il processo è semplice: devi aprire un conto di trading, seguire le istruzioni e iniziare le operazioni di trading. Una volta che sei pronto ti consiglio di iniziare con operazioni piccole. In questo modo imparerai il “mestiere” senza rimetterci troppi soldi.

Strumenti finanziari per i Bitcoin

Superata la fase di apprendimento potrai sfruttare appieno le opportunità dei Cds, che sono veramente molte. A partire dal fatto che sono l’unico strumento che consente veramente di fare trading sulle criptovalute.

In alternativa esiste il future sui Bitcoin ma per potervi operare servono molti capitali. Il valore di un future è enorme e anche operando in marginazione, ovvero non mettendo tutto il capitale di tasca propria, risulta poco pratico. Il rischio di incassare pesantissime perdite nell’arco di pochi minuti è alto.

Con i Cds, invece, puoi scegliere tu l’entità della scommessa. Potrai così entrare a far parte della schiera di persone che è diventata ricca con il Bitcoin partendo con pochissimi capitali. Come dimenticare infatti chi ha comprato il Bitcooin quando valeva 1000 dollari. Adesso il suo investimento è moltiplicato per 60. Hai letto bene: il suo Bitcoin vale adesso circa 60mila euro. E secondo molti esperti la corsa della valuta non è ancora finita.

Se dovesse infatti ripartire l’inflazione, cosa che negli Stati Uniti e in Cina sta già succedendo, gli investitori cercherebbero immediatamente protezione nell’oro e nel Bitcoin. I due asset che hanno dimostrato di offrire la migliore protezione contro il rialzo dei prezzi al consumo.

496