Completata demolizione vecchio cavalcavia del Nodo di Portogruaro

Nella serata di ieri, sabato 22 gennaio, in poco meno di tre ore nove escavatori dotate di pinze e martelli hanno smantellato la campata centrale del vecchio cavalcavia del Nodo di Portogruaro, all’intersezione tra l’autostrada A4 e la A28. L’operazione di demolizione del manufatto – con lo smantellamento delle campate di riva e la pulizia della carreggiata dai detriti – è stata completata con successo alle prime luci dell’alba di oggi, domenica 23, in anticipo rispetto al programma. Infatti, già poco prima delle 7,00 – due ore prima del previsto – Autovie Venete ha dato il via libera alla riapertura dell’autostrada nel tratto tra San Stino di Livenza e Latisana.  

Il Nodo di Portogruaro – opera principale del primo sub lotto del secondo lotto della terza corsia della A4 – comincia così ad assumere quella che sarà nei prossimi mesi la forma definitiva. I mezzi transitano sul nuovo cavalcavia, che – rispetto a quello da poco demolito – è stato costruito su tre travi, è lungo più del doppio (103 metri) ed è largo quasi 20 metri.  

Il cantiere tra Alvisopoli e Nodo di Portogruaro è uno dei più complessi. Infatti, in un breve tratto di quasi 9 chilometri prevede il rifacimento e la costruzione di ben 24 opere (8 sottopassi, 8 scatolari, 5 cavalcavia e 3 ponti)    

689