Bearzi

Cormons: Jazz e Wine of peace. 23-26 ottobre 2014

youn_sun_nahRID_credit_sung_yull_nah
In anteprima europea la chitarra “spaziale” di Bill Frisell e in esclusiva italiana la diva del jazz contemporaneo Youn Sun Nah, lo straordinario contrabbassista e compositore israeliano Avishai Cohen con il suo trio e l’inimitabile chitarrista Mary Halvorson in quintetto. I big del jazz si danno appuntamento a Jazz&Wine of Peace, festival che fonde in location da sogno musica di altissima qualità ed enogastronomia.

Cormòns (GO) – I big del jazz internazionale in concerto in teatri, dimore storiche e cantine vinicole, per un’accoppiata vincente tra musica di altissima qualità, location da sogno ed enogastronomia a cinque stelle, con alcuni tra i vini più apprezzati d’Italia. Saranno questi gli ingredienti della XVII edizione di “Jazz & Wine of Peace Festival”, l’ormai storica rassegna ideata dal Circolo culturale Controtempo che si terrà dal 23 al 26 ottobre nella piccola e suggestiva cittadina di Cormòns e nei suoi dintorni, tra le colline e i vigneti del Collio goriziano, sconfinando anche in Slovenia.

Jazz & Wine of Peace Festival proporrà quattro giorni con i migliori nomi della galassia jazz contemporanea e un’anteprima il 18 ottobre in un luogo di enorme fascino come Villa Manin di Passariano. Quest’anno il festival presenta un cartellone più ricco ed eterogeneo che mai, puntando sulla qualità e sullo stile e passando dal jazz classico all’avanguardia, in un intreccio di contaminazioni inedite. E per la prima volta, per offrire al suo pubblico un’esperienza davvero unica, oltre agli ormai consolidati concerti nelle migliori cantine e aziende vinicole del Collio e nel teatro di Cormòns, centro nevralgico della manifestazione, si allargherà portando il jazz anche in alcune dimore storiche del Friuli Venezia Giulia, luoghi incantevoli come il Castello di Spessa, l’Abbazia di Rosazzo, Villa Manin, la chiesetta di Santa Apollonia.

Per gli amanti del jazz i nomi sono da non dormirci la notte: Bill Frisell con il suo “Guitar in the Space Age” ha scelto Cormòns come prima data del suo tour europeo, che partirà il 24 ottobre alle 21.30 dal teatro cittadino. Unica data italiana a Jazz&Wine of Peace anche per la coreana Youn Sun Nah, vera e propria diva del jazz contemporaneo che si esibirà in quartetto sabato 25 ottobre alle 21.30, Avishai Cohen, straordinario contrabbassista e compositore israeliano che chiuderà il festival con il suo trio domenica 26 ottobre alle 20.30, e Mary Halvorson, inimitabile chitarrista americana in calendario con il suo quintetto domenica 26 ottobre alle 16 alla Cantina Renato Keber. I concerti proposti saranno tredici, con un programma molto serrato che sconfinerà anche in Slovenia, a Nova Gorica. Ci saranno Gianluca Petrella e Giovanni Guidi con “Soupstar”, il Tino Tracanna Trio, il Karlheinz “Carlitos” Miklin & Quinteto Argentina (Austria – Argentina), il duo Boris Savoldelli-Garrison Fewell (Italia – Stati Uniti), il Carlo Maver Quartet, il James Brandon Lewis Trio (Stati Uniti), il Christof Lauer Trio (Germania), l’Istvan Grencsó Open Collective (Ungheria), l’ Uroš Peri?–Perry Quartet (Slovenia).

Tutti i concerti saranno proposti live in teatro e in locali, enoteche e cantine, con annesse degustazioni per testare le eccellenti tipicità del Collio italiano e sloveno, alla scoperta di vini pregiati e ottime pietanze. E sarà tutto da scoprire anche “Night&Day”, il programma di eventi collaterali legati al festival, con “Concerti aperitivo” (domenica 26 alle 18.30 all’Enoteca di Cormòns il duo di chitarre “Flamenco Sketches”) e “Round Midnight”, affidati a promettenti artisti locali, che accompagneranno con le loro note brindisi e degustazioni dal calar del sole fino a notte inoltrata. Ci saranno visite guidate alle dimore storiche in occasione dei concerti, degustazioni “Wine&Jazz” all’Enoteca di Cormòns e, per la prima volta, anche una passeggiata guidata storico-naturalistica che attraverserà le dolci colline caprivesi, sulle retrovie del fronte della Grande Guerra, grazie alla collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Capriva del Friuli. E al Teatro Comunale di Cormòns, in occasione dei tre concerti serali del festival, andrà in scena You Jazz –Live Drawing: il cartoonist Marco Tonus proporrà una performance live di disegno, per accompagnare con matita, pennello e litri di china le note dei musicisti sul palco.

Ad accogliere gli affezionati della kermesse provenienti da tutta Europa, che potranno usufruire anche di offerte turistiche ad hoc con i tre pacchetti Jazz&Wine Tour 2014, sarà il Teatro comunale di Cormòns, dove si svolgeranno gli spettacoli clou. La musica live sarà protagonista anche al Kulturni Dom di Nova Gorica e Gorizia e nelle antiche cantine, enoteche, locali, dimore storiche che ospiteranno i concerti. Un viaggio tra le note e i colori della musica jazz accompagnerà i fan del festival nei diversi momenti della giornata, accoppiandosi con sapori e spazi sempre diversi. Sarà un’abbinata perfetta tra jazz e vino, grazie alla preziosa collaborazione delle aziende appartenenti al circuito del Movimento Turismo del Vino e Strade del Vino Fvg e delle cantine Borgo San Daniele, Villa Russiz, Tenuta Villanova, Renato Keber, Livio Felluga, Raccaro, Castello di Spessa.

L’edizione 2014 di “Jazz & Wine of Peace Festival” è realizzata da Controtempo grazie al patrocinio e il sostegno del Comune di Cormòns – Assessorato alla Cultura, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Gorizia, Camera di Commercio di Gorizia, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Comune di Capriva del Friuli, Fondazione Abbazia di Rosazzo, Goethe-Institut Triest, Kulturni Dom di Gorizia, Azienda Speciale Villa Manin, Kulturni Dom di Nova Gorica, FriulAdria – Crédit Agricole e con il supporto del Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia, Strada del vino e sapori del goriziano ed Enoteca di Cormòns. Si rinnova inoltre per il decimo anno consecutivo la collaborazione con RAI Radio 3, che dal 2005 allo scorso anno ha trasmesso nello spazio serale “Radio 3 Suite Jazz” circa 30 concerti di Jazz & Wine of Peace.

E prosegue anche quest’anno il gemellaggio di “Jazz & Wine of Peace Festival” con alcuni tra i festival Jazz&Wine d’Italia di maggior rilievo: Zola Jazz&Wine (www.zolajazzwine.it), Montalcino Jazz&Wine (www.castelloban?.it), Vino&Jazz Marche (www.marchejazznetwork.it). Per le quattro manifestazioni il gemellaggio rappresenta un’occasione per confrontarsi con nuove realtà territoriali e produttive, ma anche un’opportunità di arricchimento culturale.

facebook
738