* * IDEE PER I TUOI REGALI DI NATALE * * Guarda la nostra lista dei desideri * * * * * *

Covid, D’Amato: “Pronti a vaccinare durante gli Europei”

“Il Servizio sanitario regionale è pronto a eseguire le vaccinazioni” anti Covid “anche in occasione dei prossimi Europei di calcio che la città di Roma ospiterà. Qualora ci venisse richiesto dalla competente Federazione siamo in grado di allestire dei punti di somministrazione dei vaccini durante gli eventi sportivi”. Così in una nota l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Il modello è quello già sperimentato in America dalla Nba e nello specifico dai Milwaukee Bucks che ha vaccinato i propri tifosi tra il primo ed il secondo tempo delle partite di basket”, ha aggiunto D’Amato.  

“Arrivare a coprire entro agosto l’80 per cento della popolazione del Lazio è al momento un obiettivo raggiungibile. A eccezione di AstraZeneca e Johnson&Johnson, sui vaccini Pfizer e Moderna abbiamo un trend in aumento” ha detto D’Amato, nel corso dell’audizione sul piano vaccinazioni. D’Amato ha fatto il punto sull’andamento della curva epidemiologica e sulla campagna vaccinale. “C’è una tendenza a mantenere il valore Rt sotto l’uno – ha spiegato – così come sono in leggera ma progressiva diminuzione i tassi di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva. Bisogna però mantenere alto il livello di attenzione, perché in questo momento la nostra attenzione è legata alle varianti del virus”.  

Ricordando i 23 casi positivi riscontrati sul volo proveniente dall’India atterrato la scorsa settimana a Fiumicino, da cui è emerso un solo caso acclarato di variante indiana, D’Amato ha rinnovato l’invito “a coordinare in maniera più forte, a livello europeo, l’attività di monitoraggio e screening, per evitare che tutto il peso ricada sul Lazio, sia per quanto riguarda i tamponi negli aeroporti sia per le quarantene. Abbiamo inoltre bisogno che vi siano quarantene controllate più che fiduciarie, perché in certe occasioni è complicato accertare che avvengano”. L’assessore ha inoltre riferito che continua l’attività di screening nelle comunità sikh del sud del Lazio, “ma al momento non è stata rilevata la variante indiana e questo ci conforta”.  

“Al momento abbiamo cognizione esatta delle consegne di maggio – ha poi spiegato in merito alla campagna vaccinale – che sono circa 1,2 milioni di dosi di vaccino, di cui 836mila da parte di Pfizer, 215mila di AstraZeneca, 133mila di Johnson&Johnson e 98mila di Moderna. Notiamo con piacere un incremento importante di Pfizer, mentre siamo sotto soglia per AstraZeneca e Johnson&Johnson. E’ una situazione non ancora ottimale, perché per raggiungere stabilmente le 50mila somministrazioni al giorno avremmo bisogno di altre 300mila dosi di vaccino”. Dopo aver ricordato che sono stati superati i due milioni di somministrazioni, D’Amato ha sottolineato che “vorremmo arrivare a fine maggio ad aver completato le prenotazioni fino al cinquantesimo anno di età”.  

“Nel prossimo mese la campagna vaccinale entrerà in una fase in cui dovrà essere maggiormente proattiva soprattutto rivolta alle fasce di età più giovani” ha sottolineato in una nota. 

L’assessore ha anche fatto sapere che “verso fine maggio entreranno in campo le farmacie con il vaccino Johnson&Johnson e che sono circa 1.300 quelle che hanno aderito alla campagna vaccinale, mentre da giugno potremo pensare di rafforzare le dosi per i medici di medicina generale”. D’Amato ha poi annunciato l’apertura di altri hub vaccinali nella zona fiera di Latina, ad Aprilia e nel frusinate, presso uno stabilimento industriale nel comune di Torrice.  

Powered by WPeMatico

204