Covid: Riccardi, 27/12 prime 265 vaccinazioni a sanitari e anziani

Palmanova, 20 dic – “Il 27 dicembre verranno effettuate le
prime 265 vaccinazioni per il Covid-19 al personale sanitario e
anche ad alcuni ospiti delle strutture residenziali per anziani e
tra pochi giorni si apriranno le prenotazioni per sottoporsi al
vaccino”.

Lo ha annunciato oggi il vicegovernatore del Friuli Venezia
Giulia, Riccardo Riccardi, a margine dell’incontro con i
responsabili delle farmacie ospedaliere delle aziende sanitarie
regionali, dei responsabili dei Dipartimenti di prevenzione e dei
gestori delle strutture per anziani per condividere la
metodologia di raccolta delle adesioni alla campagna vaccinale.

“La struttura commissariale guidata da Arcuri ha accelerato la
procedura di distribuzione dei vaccini la quale, come anticipato,
partirà dal personale socio-sanitario che in questi giorni sta
già dimostrando la volontà di aderire alla campagna vaccinale,
come hanno fatto i responsabili di alcune strutture residenziali
per anziani – ha spiegato -. La prima tranche di vaccini verrà
quindi sicuramente utilizzata immediatamente e integralmente e ne
seguirà subito un’altra da 10mila dosi per giungere
complessivamente a 50mila dosi, destinate a operatori
socio-sanitari e residenti nelle strutture per anziani”.

Il vicegovernatore ha spiegato che “una volta avviata la
vaccinazione su ampia scala, in base a quanto previsto dalla
struttura commissariale, a occuparsi delle vaccinazioni saranno
squadre specializzate di operatori in grado di somministrare
complessivamente oltre un migliaio di dosi al giorno”.

Riccardi ha quindi chiarito che “le strutture sanitarie stanno
completando l’allestimento dei frigoriferi speciali per la
conservazione del vaccino, che saranno completamente operativi in
tempo per il loro arrivo. Inoltre, anche se il Governo sta
predisponendo un sistema informatico dedicato alla campagna
vaccinale, il sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia sta
adattando gli strumenti elettronici attualmente uso per
consentire agli operatori di potersi prenotare per effettuare la
vaccinazione. In questo modo lavoriamo per ridurre al massimo
eventuali ritardi e, una volta entrato in funzione il sistema
nazionale, avremo uno strumento ausiliario a disposizione”.

Il vicegovernatore ha sottolineato che secondo gli esperti “il
vaccino è l’arma più importante a nostra disposizione per
arrestare il contagio quindi è fondamentale una larga adesione
alla campagna vaccinale. Dobbiamo quindi garantire la massima
efficienza nella somministrazione delle dosi, strutturando un
sistema che consenta a tutti coloro che hanno diritto di
effettuare prioritariamente il vaccino abbiamo modo di
manifestare questa volontà e di riceverlo nella maniera più
semplice possibile”.
ARC/MA/ep

Powered by WPeMatico

337