Bearzi

Crollo nascite: Lega Nord ” 33% figli di stranieri, friulani sul viale del tramonto”

bambina“Il crollo delle nascite in Friuli è, ormai, il segreto di Pulcinella. Una realtà drammatica. Stupisce che qualcuno finga stupore. Agghiacciante è l’indifferenza delle istituzioni. Il 33% dei neonati ha genitori stranieri. I numeri fotografano impietosamente una realtà allarmante: i friulani stanno lentamente imboccando il viale del tramonto. L’emergenza natalità in Friuli e in tutta la regione è palese. Ho ripetutamente presentato documenti per chiedere alla giunta regionale degli strumenti ad hoc per sostenere la maternità e la natalità. Il comitato mamme Fvg ha presentato una petizione, di cui mi sono fatta garante, per chiedere la reintroduzione del bonus bebè e misure concrete per aiutare i genitori. Ma ogni richiesta rimbalza contro un muro di gomma. Non ci arrendiamo. Quella su natalità e maternità è una battaglia di civiltà. Una battaglia fondamentale”. Così Barbara Zilli, consigliere regionale della Lega Nord, nell’annunciare che “la nostra determinazione non è mai stata così forte. No alle culle vuote, no all’inerzia e all’indifferenza delle istituzioni. Nei mesi scorsi, abbiamo sollecitato la maggioranza in ogni modo. Noi chiediamo strumenti strutturali di sostegno alla genitorialità, non qualche spot di matrice leopoldiana. La petizione del Comitato Mamme Fvg è stata assegnata alla commissione competente. Attendiamo i tempi, ma non abbassiamo la guardia. Presto torneremo alla carica con nuovi appuntamenti”. Ancora Zilli: “Il bonus bebè era uno strumento necessario ma non sufficiente. Noi chiediamo di rifinanziarlo già dal 2015, garantendo una copertura economica retroattiva anche per il 2014, e completarlo con altre misure: una svolta delle politiche regionali per garantire più attenzione alle famiglie e ai bambini, e contratti di lavoro sostenibili e rispettosi del ruolo di genitore, tali da sostenere e agevolare il processo di crescita dei figli”.

facebook
452