Da Sacile per andare a Pordenone a comprare una console nonostante il blocco della circolazione

Un cittadino di Sacile è stato fermato in seguito a un controllo sul territorio in base alle nuove normative sul blocco della circolazione per il contenimento del Coronavirus.
Il motivo è poichè si era recato fuori dalla propria città per andare a comprare una consolle di gioco a Pordenone, motivazione che non giustifica il viaggio come “situazione di necessità”.

L’automobilista, fermato per un controllo dalla Polizia, non è stato in grado di giustificare il suo spostamento da un comune all’altro, tranne, a quanto pare, la prova d’acquisto della nuova console, bene che ovviamente non è considerato prioritario in maniera tale da giustificare una deroga al blocco della circolazione.

Le console in generale non sono considerate generi di prima necessità prioritari e lo spostamento in questo periodo per il loro acquisto può valere una denuncia, la seconda è che tali provvedimenti stanno effettivamente avendo luogo, dunque le restrizioni sugli spostamenti vanno rispettate ed è meglio rimanere a casa a meno che non si abbiano necessità urgenti che rientrano nelle disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
Fonte: multiplayer.it

1.534