Bearzi

Dal 1 gennaio 2015 aumentano i pedaggi autostradali

casello autostrada-1
Dieci centesimi in più sulla tratta Udine Sud – Trieste Lisert per un’autovettura, altrettanto sulla Trieste-San Donà di Piave, nessun incremento invece sulla Udine Sud-Palmanova o sul tratto Godega-Cordignano in A28.

Sono alcuni esempi degli incrementi dei pedaggi autostradali applicati sulla rete di Autovie Venete a partire dal primo gennaio 2015, aumenti che non superano l’1,5% e che in alcuni tratti autostradali non andranno a modificare la tariffa in vigore precedentemente grazie al meccanismo degli arrotondamenti. In base al decreto interministeriale numero 1044/28/133 del 12 novembre 2001 emanato dal Ministero dei Trasporti, la norma relativa agli arrotondamenti prevede che fino a 5 centesimi, i prezzi devono essere arrotondati per difetto a zero; oltre i 5 centesimi vanno arrotondati per eccesso a dieci.

Il riflesso degli arrotondamenti comporta che, in alcuni casi, l’incremento, di fatto, “scongela” i 5 centesimi della tariffa precedente che erano stati arrotondati per difetto. Un calcolo che gli uffici della Concessionaria predispongono per tempo, così come le altre società autostradali, ma che per essere applicato deve attendere la comunicazione ufficiale del Ministero dei Trasporti dal quale dipende l’Anas. Una volta ricevuta la conferma della percentuale di incremento i nuovi pedaggi entrano in vigore dalla mezzanotte del 31 dicembre e, in automatico, tutto il sistema di esazione viene aggiornato.

Chi desidera conoscere il pedaggio in anticipo, può collegarsi a www.autovie.it, cliccare infotraffico, scegliere la voce (nella barra in alto della schermata) servizi e poi selezionare “calcolo pedaggi”. Comparirà una mascherina con due voci, partenza/destinazione e uno schema con le classi di veicoli. Dopo aver inserito le località, accanto a ogni classe di pedaggio comparirà il nuovo importo. Non tutto ciò che Autovie Venete incassa resta alla Concessionaria. Una parte, pari al 2,5% circa va ad Anas, l’ Iva (22%) va allo Stato, un’ulteriore quota viene utilizzata a copertura degli investimenti e un’altra, non di poco conto, è destinata alle spese di manutenzione: dalla gestione degli impianti tecnologici agli interventi più vari (riasfaltature, sostituzione di barriere di protezione, azioni di prevenzione del ghiaccio o di ripulitura dalla neve; potatura delle siepi, sfalcio del verde, rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale). Un lavoro costante e impegnativo anche dal punto di vista economico, ma indispensabile per garantire la sicurezza della circolazione, tant’è che la manutenzione è una delle poche voci di bilancio che difficilmente subisce ridimensionamenti.

2014 – 2015
Udine Sud-Palmanova

Classe A
1,70 – 1,70

Classe B
1,70 – 1,70

Classe tre
2,20 – 2,30

Classe quattro
3,40 – 3,40

Classe cinque
4,00 – 4,10

2014 – 2015
Udine Sud – Trieste

Classe A
3,90 – 4,00

Classe B
4,00 – 4,10

Classe tre
5,30 – 5,40

Classe quattro
8,00 – 8,10

Classe cinque
9,50 – 9,60

2014 – 2015
Udine Sud – Latisana

Classe A
3,40 – 3,40

Classe B
3,50 – 3,50

Classe tre
4,60 – 4,60

Classe quattro
6,90 – 7,00

Classe cinque
8,20 – 8,30

2014 – 2015
Trieste-San Donà di Piave

Classe A
7,40 – 7,50

Classe B
7,60 – 7,70

Classe tre
10,10 – 10,20

Classe quattro
15,30 – 15,50

Classe cinque
18,00 – 18,30

2014 – 2015
Godega – Conegliano

Classe A
0,50 – 0,50

Classe B
0,50 – 0,50

Classe tre
0,60 – 0,60

Classe quattro
0,90 – 0,90

Classe cinque
1,10 – 1,10

Alcuni esempi di tariffe su tratte autostradali dopo l’incremento del + 1,5% che dovrebbe entrare in vigore il 1 gennaio 2015?

facebook
613